Corning Gorilla Glass 3 è più resistente perfino del vetro zaffiro

Corning, uno dei produttori partner di Apple cui dobbiamo la resistenza dei dispositivi iOS, ha creato una revisione del suo Gorilla Glass che permette di raggiungere nuove frontiere di resistenza agli urti e ai graffi.

corning_gorilla_glass_3

Nell'iPhone 5, Apple ha adottato il vetro zaffiro per la copertura della lente della fotocamera posteriore; una decisione dettata dall'estrema durabilità di questo materiale, "la cui durezza è seconda solo al diamante sulla scala di materiali trasparenti." Si tratta di una caratteristica che, secondo diversi esperti, ne favorirà l'adozione anche sulle scocche dei dispositivi di fascia alta presenti sul mercato. Sempre che Corning non si inventi prima qualcosa di perfino migliore, come sembra stia accadendo.

Già allo stato attuale, il Gorilla Glass 3 dovrebbe risultare più appetibile del vetro zaffiro, almeno stando a quanto dichiarato dal produttore in un documento pubblicato ieri. In linea puramente teorica, il nuovo materiale di Corning garantisce più robustezza, minor peso, prezzi inferiori senza contare che richiede molta meno energia durante i processi produttivi. Ecco perché ad oggi 1,5 miliardi di dispositivi sono stati creati con Gorilla Glass:

"La discussione sembra essersi focalizzata sul vetro zaffiro come soluzione ovvia per i materiali di copertura. Cosa direbbero queste persone se qualcuno inventasse una copertura che pesa la metà, che necessitasse del 99% di energia in meno per la produzione, che fornisse un display più luminoso e che costasse meno d'un decimo dello zaffiro? Credo che lo zaffiro sarebbe in grossi guai. E così, si dà il caso che Corning abbia già inventato quel materiale: si chiama Gorilla Glass" ha sottolineato il vice presidente senior di Corning, Jeffrey W. Evenson.

A giudicare dai test condotti dalla società, la terza generazione richiede circa 3 volte più forza per raggiungere il punto di rottura, dopo la stessa quantità di usura e torsione. Oltretutto, si può produrne lastre talmente sottili che si può piegarle o modellarle senza rimetterci in stabilità.

Per il futuro, ha spiegato Evans, Corning sta ricercando dei materiali perfino migliori, dotati di un grado maggiore di trasparenza e di resistenza ai riflessi, e caratterizzati da proprietà antibatteriche. Qui di seguito, un video mostra i test condotti internamente. Buona visione.

  • shares
  • +1
  • Mail