Apple lancia il nuovo chip M1 Ultra

Prestazioni portentose per il nuovo chip M1 Ultra che Apple ha lanciato durante l’Evento dell’8 marzo. Ecco tutte le caratteristiche.

Apple l’ha fatto davvero. Ha lanciato un nuovo chip sviluppato a partire dall’M1 Max, ma ancora più potente. Unendo due M1 Max si ottiene M1 Ultra.

4 volte la banda passante della migliore tecnologia disponibile oggigiorno per connettere i chip tra loro, pari a 2.5TB/s; e un interposer che ha una densità doppia di qualunque altra tecnologia disponibile sul mercato. Con 114 miliardi di transistor, M1 Ultra supporta una banda passante di memoria di ben 800 GB/s.

Parliamo di 10 volte le prestazioni del più recente chip desktop, e un supporto a ben 128GB di memoria unificata totale.

Con una CPU a 20-core (16 core ad alte prestazioni e 4 ad alta efficienza) e fino a 64 core per la GPU, M1 Ultra può vantare 8 volte più prestazioni rispetto al più veloce M1 del mercato; inoltre può contare su un Neural Engine da ben 32-core. In totale può eseguire 22 trilioni di operazioni al secondo.

“M1 Ultra rappresenta un’ulteriore rivoluzione per i chip Apple che ancora una volta sconvolgerà il settore dei PC. Connettendo due die dei chip M1 Max con la nostra architettura di packaging UltraFusion, siamo in grado di far raggiungere al chip Apple risultati senza precedenti” ha dichiarato Johny Srouji, Senior Vice President of Hardware Technologies di Apple. “Con la sua potente CPU, una GPU formidabile, un incredibile Neural Engine, l’accelerazione hardware ProRes e un’enorme quantità di memoria unificata, M1 Ultra completa la famiglia M1 ed è il chip più potente e capace al mondo per un personal computer.”

Architettura UltraFusion

Per realizzare M1 Ultra, viene utilizzata “l’architettura di packaging esclusiva di Apple, UltraFusion, per interconnettere il die di due chip M1 Max. Il modo più comune di scalare le prestazioni consiste nel connettere due chip tramite una scheda madre, ma questa soluzione comporta solitamente significativi compromessi, per esempio una maggiore latenza, una larghezza di banda ridotta e maggiori consumi. Tuttavia, l’innovativa architettura UltraFusion di Apple utilizza un interposer di silicio che connette i chip su oltre 10.000 segnali, offrendo un’impressionante larghezza di banda inter-processore da 2,5TB/s a bassa latenza, oltre quattro volte superiore rispetto alla larghezza di banda della principale tecnologia di interconnessione multi-chip. Ciò consente a M1 Ultra di comportarsi e di essere identificato dal software come un unico chip. Chi sviluppa non dovrà pertanto riscrivere il proprio codice per usufruire appieno delle sue prestazioni. Non c’è mai stato nulla di simile.”

Il tutto a fronte di consumi che sono pari a 1/3 delle GPU di pari performance della concorrenza: pari potenza a fronte di 200 watt in meno di consumi. È un “Industry-leading performance per watt” spiega Tim Cook. Le prestazioni per le operazioni Multi-thread sono superiori del 90% rispetto al miglior chip con corrente del mercato, ma a fronte di 100W meno di consumi.

“Il Neural Engine 32-core del chip M1 Ultra esegue fino a 22.000 miliardi di operazioni al secondo, raggiungendo velocità straordinarie nelle attività di machine learning più impegnative. Inoltre, con il doppio delle capacità del motore multimediale rispetto al chip M1 Max, M1 Ultra offre velocità senza precedenti nella codifica e decodifica di video ProRes. In effetti, il nuovo Mac Studio con M1 Ultra può riprodurre fino a 18 stream di video ProRes 422 8K, un’impresa che nessun altro chip può compiere.4 M1 Ultra include inoltre tecnologie Apple esclusive, come un motore del display che permette di collegare molteplici monitor esterni, controller Thunderbolt 4 integrati e sicurezza all’avanguardia, tra cui il più recente Secure Enclave di Apple, avvio protetto con verifica hardware e tecnologie anti-exploit in fase di esecuzione.”

E poiché viene visto dalle app come un unico chip, non c’è bisogno di aggiornare il software esistente per sfruttare tutta la potenza dell’M1 Ultra. “L’M1 Ultra alza ancora l’asticella delle prestazioni su Mac” dice Apple.

Il chip è stato introdotto per alimentare un nuovo tipo di macchina, il Mac Studio.

 

Ti potrebbe interessare