Microsoft vuole iTunes per Windows 8, ma “non arriverà tanto presto”

Windows 8 è oramai sul mercato da tempo, eppure non esiste ancora una versione di iTunes compatibile pienamente con questo OS. E mentre Microsoft piatisce qualche attenzione, Apple nicchia dall’alto della propria posizione privilegiata.

Come cambiano le cose: ai tempi del boom di Internet, Apple era costretta a rincorrere Microsoft e a chiederle di sviluppare una versione per Macintosh del proprio browser. Il connubio forzoso è andato avanti dal 1996 al 2003 e, per tutti e cinque quegli anni, Internet Explorer costituì l’app predefinita per la navigazione Web, anche per noialtri. Ora invece -per la serie corsi e ricorsi storici- siamo al ribaltamento degli equilibri.

Da una parte abbiamo Apple con iTunes, una delle app più diffuse della storia dell’informatica, visto che serve a gestire milioni di iPhone, iPad ed iPod touch; dall’altra, c’è Microsoft col suo nuovo Sistema Operativo, Windows 8, caratterizzato da un’inedita Interfaccia Utente che sta polarizzando il pubblico: o la si ama, o la si odia. Non sorprende quindi che una delle app più ricercate sul Windows Store sia proprio iTunes, né sorprende che Microsoft stia facendo pressioni da mesi perché ne venga creata una versione più aggiornata e compatibile con Metro.

In un’intervista a CNN Money, tuttavia, il CFO del team Windows Tami Reller ha dichiarato velenoso:

“Fareste meglio a non aspettarvi un’app iTunes su Windows 8 [ottimizzata per Metro, quindi. N.d.A.]. C’è tantissima richiesta per iTunes. Ma il tappetino di benvenuto fuori dalla porta, noi ce lo abbiamo messo. Non si può certo dire che non ci abbiamo provato.”

E c’è pure di peggio. A quanto pare, Apple non ha intenzione di collaborare neanche sul versante di Windows RT, la versione dell’OS Microsoft per processori ARM che gira sui Surface. Un Sistema Operativo ibrido e poco riuscito, che il CEO di Acer ha recentemente definito “di nessun pregio.”

D’altro canto, è uno stato di cose che ad Apple conviene. Il sottotesto dell’intera vicenda sembra infatti sussurrare alle orecchie degli utenti: beh, se proprio non vi piace il funzionamento dell’iPhone su Windows, forse è il momento di passare alla pulizia e all’eleganza del Mac. Come cambiano le cose.

Ti potrebbe interessare
Nuovo spot italiano per iPhone
iPhone 3G

Nuovo spot italiano per iPhone

Si nota meno che in altri paesi, ma ogni tanto anche tra gli italici palinsesti è possibile scorgere un nuovo, raro spot Apple dedicato ad iPhone 3G. Rispetto al primo messaggio promozionale, che si limitava praticamente ad informare dell’esistenza del telefono, quest’ultimo è invece proposto da Apple in collaborazione con Vodafone, e dimostra quanto sia

Apple vs. Maxxuss: una sfida a colpi di codice e poesia
iPhone

Apple vs. Maxxuss: una sfida a colpi di codice e poesia

Decisamente una vera e propria sfida quella dell’hacker Maxxuss contro Apple. Il suo nome, in sostanza, è quello più sentito fra quelli di chi vuole infrangere il codice di sicurezza di Mac Os per processori Intel, in modo tale da poterlo installare su macchine non certificate. Proprio ieri notte l’utente dichiarò di essere riuscito ad

Sarà vero ? Mac OS X 10.4.1 sulle reti peer-to-peer ?
iPhone

Sarà vero ? Mac OS X 10.4.1 sulle reti peer-to-peer ?

Si parla di una versione per sviluppatori di Mac OS X 10.4.1 per Intel disponibile su reti peer-to-peer e IRC. In teoria funzionerebbe su qualsiasi PC.Purtroppo non abbiamo un link da darvi, e nessuno è ancora in grado di dare notizie di prima mano sulla genuinità / non pericolosità del software. Attendiamo con impazienza una