Apple Store, misurare la temperatura dei clienti vìola la privacy?

Apple voleva implementare un sistema automatico di verifica della temperatura dei clienti degli Apple Store, ma la legge UE sulla privacy potrebbe rendere la pratica illegale.

Nel tentativo di contenere la diffusione del Coronavirus e rendere i suoi negozi più sicuri, Cupertino sta pensando di implementare degli scanner termici alle entrate degli Apple Store così da misurare la temperatura dei clienti prima che possano entrare. La legge UE sulla privacy, però, potrebbe rendere la cosa illegale.

In questi giorni, e dopo aver messo a punto opportune strategie di igiene e distanziamento sociale, Apple sta riaprendo alcuni dei suoi punti vendita sparsi per il mondo. Tra le iniziative adottate ci sarebbe un sistema di consegna automatica della merce (per limitare gli spostamenti degli addetti), oltreché la misurazione della temperatura corporea attraverso scanner termici a distanza; tuttavia, la Corte dell’Assia in Germania ritiene che questa scelta confligga con le disposizioni UE in materia di privacy.

Per il momento, dunque, Tim Cook e i suoi hanno messo in standby la faccenda termometri nel Vecchio Continente, in attesa di capire se sia fattibile o meno. In Italia -così come in Germania e in altri paesi UE- gli Apple Store operano ancora con orario ridotto, e risultano formalmente chiusi per il pubblico. Ma è evidente che sia tempo di iniziare a pensare anche al dopo; a quando, cioè, le saracinesche torneranno ad alzarsi.

Ti potrebbe interessare
iFixit smonta i nuovi iMac: CPU e GPU sostituibili
iMac Mac

iFixit smonta i nuovi iMac: CPU e GPU sostituibili

iFixit ha smontato un nuovo iMac da 21.5 pollici per scoprire ulteriori caratteristiche nascoste all’interno dell’all-in-one di Apple.Rispetto alle precedenti generazioni i nuovi iMac hanno subito alcune modifiche strutturali che permettono la rimozione dei dissipatori per la sostituzione della CPU Intel Core i5-2400S e della GPU AMD Radeon HD 6750M, ma per farlo occorre smontare

Un vantaggioso accordo sui diritti d’autore ha portato i Beatles su iTunes
iPhone

Un vantaggioso accordo sui diritti d’autore ha portato i Beatles su iTunes

Il lancio della discografia dei Beatles su iTunes Store nel novembre 2010 è stato il frutto di un lungo lavoro diplomatico e di vantaggiosi accordi commerciali. Ricordiamo l’ostilità di Yoko Ono riguardo alla pubblicazione online degli album dei Beatles, espressa fino a poco tempo prima dell’accordo con Apple. Reuters ha svelato in un recente articolo

iTunes Ping: il marchio apparteneva a un produttore di mazze da golf
iPhone

iTunes Ping: il marchio apparteneva a un produttore di mazze da golf

Bisogna dire che Apple non è poi originalissima nella scelta dei nomi. Il marchio Mighty Mouse e “iPhone”, per dire, l’hanno costretta a rocamboleschi accordi con chi aveva già registrato quei marchi. Lo stesso nome “Apple”, per gli appassionati di storia, è stato frutto di grattacapi. Questa sera Apple TV avrebbe potuto chiamarsi iTV, ma