Coronavirus, Siri dà consigli e aiuta con la diagnosi

In queste ore, Siri ha imparato a gestire le richieste degli utenti in relazione al Coronavirus. Con consigli su come informarsi e capire se si è stati contagiati.

Quando gli utenti chiedono a Siri lumi sul COVID-19, l'assistente virtuale di Cupertino può fornire piccoli consigli utili. La versione italiana pare un po' più scarna di quella anglofona, ma l'idea resta comunque molto valida.

Quando si domanda qualcosa sul Coronavirus, la Siri italofona consiglia di seguire le raccomandazioni del Ministero della Sanità, e propone l'apertura della pagina ufficiale con le ordinanze sugli spostamenti, tutte le ultime notizie ufficiali (tipo la questione del farmaco giapponese) e le raccomandazioni sanitarie.

La stessa cosa in inglese, invece, produce una serie di domande ben più interessanti che possono aiutare a comprendere meglio il problema e indirizzare verso una diagnosi più corretta. La risposta, tradotta nella nostra lingua, è grossomodo questa:

Se temi di aver contratto il Coronavirus (COVID-19), potrebbe aiutarti una breve serie di domande a risposta secca (concordate trail Servizio di Salute Pubblica USA e il CDC). Sei pronto a iniziare?

Dopodiché, seguono alcuni quesiti tipo:

Hai qualcuno di questi sintomi? Febbre, tosse secca, respiro corto?
Sei stato a stretto contatto con qualcuno positivo al Coronavirus (COVID-19)?
Ok, monitora costantemente sintomi come febbre, tosse secca e respiro corto. Potrebbero comparire fino a 14 giorni dopo l'esposizione. Se ciò accade, isolati dagli altri. Contatta il tuo fornitore di servizi medici se hai più di 65 anni, o se soffri di gravi come patologie cardiache e respiratorie, o di diabete. Se non puoi raggiungere un medico, app di tele-assistenza medica potrebbero aiutarti.

Segue link all'App Store, con le app che offrono consulti medici a distanza a basso costo; meraviglie del sistema sanitario statunitense.

  • shares
  • Mail