Coronavirus, Steve Wozniak non è il Paziente 0 negli USA

In queste ore si sta diffondendo sul Web la notizia che Steve Wozniak, uno dei fondatori di Apple, abbia contratto il Coronavirus in Cina assieme alla moglie. Le cose non stanno così.

Con un tweet nelle scorse ore, il co-fondatore di Apple Steve Wozniak, ha lasciato intendere che lui e sua moglie potrebbero aver contratto il COVID-19 in seguito ad un recente viaggio in Cina; e subito, tutti i giornali e i siti Web si sono gettati a bomba sulla notizia. in realtà, pare si tratti di un falso allarme, o di uno scherzo.

"Siamo preoccupati per la brutta tossa di Janet" ha cinguettato Woz. "È iniziata il 4 gennaio. Eravamo appena tornati dalla Cina, e potremmo essere entrambi i pazienti zero negli USA." Una rivelazione talmente perfetta a livello giornalistico che viene da domandarsi subito se non si tratti dell'ennesima provocazione dell'iBontempone. E invece tutti a salire sul treno del sensazionalismo, spinti anche da una sensibilità pubblica molto pronunciata sull'argomento.

Si è innescato così un tale casino da costringerli ad una smentita ufficiale. "Falso allarme, a quanto pare," scrive qualcuno sui social. "Janet ha rivelato A USA TODAY di avere solo una brutta sinusite."

D'altro canto, il canale Twitter di Woz è ufficialmente utilizzato per "scherzi e battute", dunque è abbastanza evidente che si trattasse di una boutade; fuori luogo e insensibile, magari, ma pur sempre una boutade.

Diciamo così perché il COVID-19, allo stato attuale, sta rallentando l'economia globale, costringendo migliaia di persone alla quarantena; in totale ad oggi si contano oltre 90.000 contagi confermati nel mondo e più di 3.000 morti. Apple stessa si trova costretta a fronteggiare la crisi cercando di sopperire alle gigantesche lacune in catena di montaggio che rischiano di posticipare il lancio di iPhone 12.

  • shares
  • Mail