30000 brani per i futuri iPod?

Trentamila potrebbe essere l’incredibile numero di brani caricabili sulla prossima generazione di iPod. Indiscrezioni, infatti, danno Apple in procinto di adottare, per i futuri iPod, i dischi Seagate che raggiungeranno la capacità massima di 120Gb entro la fine dell’anno.Ovviamente la scelta di Seagate andrebbe a scapito di Toshiba, attuale fornitore dei dischi da 1,8″ degli


Trentamila potrebbe essere l’incredibile numero di brani caricabili sulla prossima generazione di iPod.
Indiscrezioni, infatti, danno Apple in procinto di adottare, per i futuri iPod, i dischi Seagate che raggiungeranno la capacità massima di 120Gb entro la fine dell’anno.

Ovviamente la scelta di Seagate andrebbe a scapito di Toshiba, attuale fornitore dei dischi da 1,8″ degli iPod, pioniere di questo formato, ma ultimamente in ritardo rispetto alla concorrenza.

L’eventuale passaggio a Seagate potrebbe portare nel catalogo degli iPod anche un modello da 60Gb con lo spessore dell’attuale 30Gb, in quanto il 60 Seagate è sottile come il 30 Toshiba.

Per ora non ci sono conferme, come neppure ci sono indicazioni su possibili date di rilascio, che, secondo molti analisti, sarebbe comunque vicino.

Ti potrebbe interessare
iOS 6 rivela il nuovo micro connettore con 9 pin
iPhone 5

iOS 6 rivela il nuovo micro connettore con 9 pin

Dopo aver confermato la probabile risoluzione dell’iPhone 5, iOS 6 rivela ulteriori caratteristiche tecniche dei prossimi dispositivi mobili della Mela. Nei meandri dei file di configurazione della quarta beta è stato infatti scoperto il parametro DeviceSupports9Pin, ovvero il dispositivo supporta 9 contatti.Non è chiaro se il dispositivo in questione sia un prodotto Apple o un

Apple batte Apple 1-0
iTunes Store

Apple batte Apple 1-0

Apple Computer Inc. ha vinto il primo round della causa che la vede opposta ad Apple Corps per i diritti di sfruttamento del marchio. La corte ha stabilito che Apple Computer sfrutta legittimamente il marchio in ambito musicale, secondo quanto contenuto nell’accordo del 1991 tra le due società. Apple Corps ricorrerà in appello perchè convinta