Sui nuovi iPod funzioni eBook?

In realtà Engadget non è solita alle indiscrezioni sul mondo Apple, ma questa volta (dicono) la stessa notizia sarebbe arrivata da due insider separati. Sembra infatti che i prossimi iPod, quelli a schermo ampio, siano in grado anche di leggere libri elettronici, cioè eBook. Cupertino avrebbe già chiesto ad una grande casa editrice di inviare

In realtà Engadget non è solita alle indiscrezioni sul mondo Apple, ma questa volta (dicono) la stessa notizia sarebbe arrivata da due insider separati. Sembra infatti che i prossimi iPod, quelli a schermo ampio, siano in grado anche di leggere libri elettronici, cioè eBook. Cupertino avrebbe già chiesto ad una grande casa editrice di inviare una copia di tutti i nuovi manoscritti ai suoi quartieri. Qui dalle nostre parti, e ovunque in generale, gli eBook non hanno mai avuto un enorme successo. E se questa fosse la volta buona? In fondo i pdf iTunes già li scarica…

Ti potrebbe interessare
Nuovo spot: “iPad is iconic”
iPad

Nuovo spot: “iPad is iconic”

Dopo averci informato che l’iPad è un dispositivo magico, elettrizzante, fantastico e molto altro, un nuovo spot Apple descrive il suo tablet -non senza un velo di immodestia- come un simbolo dei nostri tempi. Lo schema è collaudatissimo: la solita, vivace colonna sonora come sfondo, lo slogan “iPad is…”, e una sequenza rapida di riprese

XMetronome: un metromono per Mac e iPhone
iPhone

XMetronome: un metromono per Mac e iPhone

Per tutti i musicisti che si appoggiano ad un Mac per le loro composizioni, XMetronome svolge una funzione elementare ma spesso essenziale. Lo scopo di questa piccola utility è di guidare le vostre composizioni, cadenzandone il ritmo. XMetronome si presenta con un’interfaccia veramente semplice ed immediata, che mette a disposizione subito i comandi necessari all’impostazione

My Dream Application: i vincitori
iPhone

My Dream Application: i vincitori

Poche ore fa si è conclusa la stimolante e interessante sfida lanciata da Apple: My Dream Application. I concorrenti erano appassionati di programmazione, professionisti o semplici geeks con in testa una loro idea; essi hanno cercato di realizzarla attraverso le loro conoscenze informatiche e l’hanno sottoposta al giudice più severo, imparziale di sempre: gli utenti