Apple Store, 3 novità per tutti gli utenti

Sull’Apple Store online ci sono piccole novità e segni di riorganizzazione. Eccoli nel dettaglio.

Sull’Apple Store online ci sono piccole novità e segni di riorganizzazione. Già da qualche tempo, ad esempio, la sezione del negozio online è stata inglobata nel sito Apple, e in più c’è molta più integrazione tra l’assistenza e i workshop. E infine, stanno per sparire le lezioni personalizzate One to One.

Apple Store, merce rimandata indietro se la scatola non piace ad AppleiPhone 6 Plus: verificare se rientrate nel Programma di Sostituzione Fotocamera

Se fate un giro sull’Apple Store online, vi renderete conto che non esiste più una sezione dedicata; piuttosto, le opzioni di acquisto sono state integrate qua e là nel sito. Questo, nelle intenzioni del management, dovrebbe semplificare la navigazione per gli utenti. Non siamo molto convinti, ma tant’è.

Inoltre, il servizio di prenotazione degli appuntamenti col Genius -quello che in gergo Apple si chiama Concierge– ora è profondamente integrato nelle varie pagine dell’Apple Store mentre prima aveva una sezione dedicata. Tra l’altro, il nuovo sistema è ottimizzato per gli utenti con problemi di vista e udito.

L’offerta dei workshop -cioè dei corsi di gruppo gratuiti- è stata ottimizzata e consolidata in categorie: Scoprire, Creare, Organizzarsi, Insegnare, e così via. E in generale, è stata data una svecchiata a tutta la grafica, che ora è più leggera e semplice.

Infine, stanno per essere aboliti i corsi di Mac e iPhone One to One, quelli da 99€ l’anno prenotabili con l’acquisto di un nuovo Mac. L’opzione è ancora disponibile sarà onorata per chi l’ha già acquistata, ma presto non verrà più offerta.

Ti potrebbe interessare
Mac Pro, EVGA annuncia GeForce GTX 680 Mac Edition
Mac Pro

Mac Pro, EVGA annuncia GeForce GTX 680 Mac Edition

A breve distanza dall’offerta formulata da Sapphire, anche EVGA ha ufficialmente presentato la sua nuova scheda grafica GeForce GTX 680 Mac Edition dedicata ai computer di punta di Cupertino. Quei Mac Pro che l’utenza professionale agogna ma che Apple si ostina a trascurare.