Apple sostituisce alcuni iPhone 4 bianchi coi 4S

A causa di alcune atipiche carenze nelle scorte, Apple sta sostituendo alcuni iPhone 4 bianchi da 16 GB difettosi con degli iPhone 4S. Solo nel Nord America, però.

Parliamo di


A quanto si legge sul Web, pare che Apple sia stata costretta a sostituire alcuni iPhone 4 bianchi difettosi -portati allo Store in garanzia- con gli omologhi 4S di pari capacità. Una serie di upgrade involontari dovuti ad alcuni recenti problemi di approvvigionamento della componentistica.

Se proprio deve rompersi, tanto vale che accada ora e chissà che la sfortuna non si trasformi in una piacevole quanto inaspettata sorpresa. Diversi utenti infatti avrebbero riferito di essere entrati nello Store con un dispositivo vecchio e non funzionante, e di esserne usciti con Siri, un chip A5 e una fotocamera da 8 Megapixel:

A causa di alcune atipiche carenze nelle scorte di iPhone 4 16 GB da usare come unità sostitutive, i clienti con gli iPhone 4 bianchi da 16 GB che raggiungono il Genius Bar dell’Apple Store e che hanno bisogno di una sostituzione, potrebbero ottenere invece un aggiornamento gratuito al nuovo iPhone 4S. Secondo diverse fonti, Apple ha notificato ai Genius Bar che le scorte di iPhone 4 16 GB bianchi da sostituzione sono contingentate fino a nuovo ordine.

Al momento, il piacevole disguido riguarda gli Apple Store negli Stati Uniti e nel Canada; nessuna segnalazione è giunta dalle altre parti del mondo, men che meno il nostro paese. E in ogni caso, gli iPhone 4S forniti agli utenti finora sono tutte unità ricondizionate.

Ti potrebbe interessare
Divergenze tra Intel ed Apple in merito ai futuri processori
iPhone

Divergenze tra Intel ed Apple in merito ai futuri processori

Intel si prepara a rilasciare sul mercato i suoi nuovi processori per piattaforma mobile. Si tratta delle linee che ora vengono internamente chiamate Arrandale e Calpella. Una delle caratteristiche di questi nuovi processori è l’integrazione di una CPU grafica. Una scelta che allontana (non solo tecnicamente) la concorrenza.Appe ha manifestato apertamente il suo dissenso nei