iOS 5.1 porta il 4G anche su iPhone 4S (più o meno)

Gli iPhone 4S che si connettono ai network HSPA+ di AT&T leggono sul proprio iPhone di viaggiare a velocità “4G.” Niente miracoli, però, solo una strategia di marketing.

Parliamo di


Assieme al nuovo hardware con la mela -ovvero iPad ed Apple TV di nuova generazione– la scorsa settimana ha debuttato anche iOS 5.1 che, tra le tante novità, ha fatto comparire il logo “4G” sugli iPhone 4S connessi alla rete di AT&T. Miracolo o abilitazione di funzionalità nascoste? Niente di tutto questo: semplici alchimie del marketing.

Il cambio d’indicatore della barra dei menu -da “3G” a “4G”- degli iPhone 4S che viaggiano sui network del primo carrier mobile statunitense ha creato parecchia confusione tra gli utenti. A meno che a Cupertino non stiano specializzandosi in affatturazioni e incantesimi, infatti, è altamente improbabile che i più recenti telefoni con la mela possa supportare le impressionanti velocità dell’iPad 3 poiché semplicemente difetterebbe dell’hardware necessario.

In realtà, l’inattesa novità si verifica quando l’iPhone si aggancia ai ripetitori HSPA+ di AT&T, raggiungendo così velocità leggermente superiori rispetto al 3G classico, ovvero 14 Mbps, ma comunque nettamente inferiori ai 73 Mbps massimi teorici dell’LTE. E poiché secondo l’ITU (International Telecommunication Union) “tutte le altre tecnologie evolutesi dal 3G” potrebbero finire sotto al comun denominatore dello standard 4G poiché “apportano un sostanziale livello di miglioramento nelle prestazioni e nelle funzionalità” rispetto ai network 3G tradizionali, AT&T ha colto la palla al balzo con una chicca di puro marketing (qualcuno la chiama “bugia”) che trasmetterà più distintamente agli utenti la sensazione di miglioramento.

Fa sorridere però che proprio lo scorso ottobre, durante il lancio dell’iPhone 4S, Phil Schiller avesse toccato l’argomento con una battuta:

Non voglio entrare nel merito del dibattito dell’industria su cosa sia o non sia il 4G. Lasciamo che siano gli altri a parlarne.

Poi però quelli di AT&T devono aver bussato alla porta di Cupertino, chiedendo e ottenendo un piccolo trattamento di favore. E qualcosa ci dice che presto seguiranno a ruota tutti gli altri gestori.

Ti potrebbe interessare
Se non hai un iPhone… Parodia della pubblicità
iPhone

Se non hai un iPhone… Parodia della pubblicità

Se non hai un iPhone, mi chiedo cosa tu abbia che non va. Ma già lo so, sei povero, o sei un perdente. Oppure non ti interessi di tecnologia, il che vuol dire che sei povero e perdente. Non abbiamo creato questa pubblicità per venderti un iPhone, ma l’abbiamo fatta per marchiarti come quello che

LG: impossibile soddisfare la richiesta di display per iPad
iPhone

LG: impossibile soddisfare la richiesta di display per iPad

A dire del CEO di LG Kwon Young-soo, sebbene i macchinari sferraglino a pieno regime, la sua società non sarà in grado di soddisfare l’intera richiesta di display LCD destinati all’assemblaggio degli Apple iPad, almeno ancora per qualche tempo. A partire dal secondo trimestre del 2011, promette, i ritmi produttivi torneranno ad essere più che

Nuovi MacBook Pro: nuovi indizi
MacBook Pro

Nuovi MacBook Pro: nuovi indizi

Come ben sapete, è da un po’ che si parla dell’aggiornamento della gamma professionale dei portatili Apple: i MacBook Pro.Abbiamo già avuto moto più volte di sottolineare come il design dei laptop che hanno sostituito i gloriosi Powerbook G4 sia rimasto sostanzialmente immutato ormai da 5 anni e, seppur ancora attualissimo, meriterebbe almeno un lifting.E’

Web Snapper 2.1 beta: creare screenshot di pagine web
Software Apple

Web Snapper 2.1 beta: creare screenshot di pagine web

Web Snapper 2.1 è una piccola applicazione, ancora in versione beta, che permette di effettuare uno screenshot di una intera pagina web di nostro interesse e salvarla come un semplice file vettoriale o un PDF.Compatibile con Mac OS X Tiger e con Leopard, Web Snapper 2.1 beta è pre-ordinabile ad un prezzo di soli 8$

Niente Leopard per i G3?
iPhone

Niente Leopard per i G3?

Tra i primi a notarlo gli amici francesi di MacBidouille: Apple ha rimosso dalla pagina dedicata a Leopard ogni menzione sul funzionamento sui processori G3.Subito dopo la presentazione al WWDC, infatti, sulla pagina principale dedicata a Leopard era scritto: “Da G3 a Xeon, da MacBook a Xserve, semplicemente: Leopard“.Successivamente quanto sopra è stato sostituito da

Accordo Asustek-Apple
iPhone

Accordo Asustek-Apple

Sarà Asustek a fabbricare per Apple i prossimi ibook da 14,1 pollici. La ditta taiwanese che già produce i modelli da 12 pollici ha siglato in questi giorni l’accordo che le ha permesso di scavalcare la diretta concorrente Quanta Computer Inc.Molto probabilmente questa collaborazione riguarderà anche i primi laptop Mactel anche se ancora è troppo