iPhone 6: arrivano le nuove pubblicità “Huge” e “Cameras” con Jimmy Fallon e Justin Timberlake

Apple ci mostra due spot di iPhone 6 e iPhone 6 Plus, intitolati “Huge” e “Cameras”

Parliamo di

Con la headline “i nuovi iPhone sono arrivati e la loro dimensione è solo l’inizio”, Apple ha messo in circolazione due nuovi spot di iPhone 6 e iPhone 6 Plus, dedicati alle caratteristiche principali delle nuove versioni dello smartphone.

Le pubblicità mostrate oggi seguono quelle svelate da Tim Cook durante l’evento del 9 settembre, coinvolgendo al loro interno anche Jimmy Fallon e Justin Timberlake come testimonial dei due modelli di iPhone 6 attualmente sul mercato.

Il primo spot (a capo post) è intitolato “Huge”, ed è naturalmente dedicato alle dimensioni dello schermo di entrambe le versioni di iPhone 6: 4,7 pollici quello base e 5,5 pollici quello Plus. Il secondo video è invece intitolato “Cameras”, e si concentra sulle migliorie apportate da Apple alla fotocamera del telefono: migliore stabilizzazione dell’immagine e possibilità di girare video in slow-motion e time-lapse.

La promozione multimilionaria di iPhone 6 non si fermerà naturalmente a queste due pubblicità, visto l’arrivo a breve dello smartphone anche in altri territori rispetto a quelli dell’uscita avvenuta il 19 settembre. Per il momento, Apple può già godere di un lancio record, da 10 milioni di pezzi venduti.

Ti potrebbe interessare
Pathways per iPhone
iPhone 3G iPod touch

Pathways per iPhone

Pathways è un simpatico gioco per iPhone/iPod touch che riprende il classico tema del labirinto. Fornito di tantissimi (75) livelli, permette di svagarsi per lungo tempo. In più è gratuito, cosa volere di più…?

Un video manda in crash l’iPhone
iPhone 3G

Un video manda in crash l’iPhone

Piergiorgio Zambrini, più noto in rete come Zibri, e famoso per la sua applicazione per il jalbreak ZiPhone, ha recentemente scoperto una falla in iPhone. E’ infatti possibile, utilizzando un particolare video, mandare in crash il dispositivo (senza causare però danni permanenti), sfruttando un bug in una libreria audio utilizzata da iPhone (e a quanto