iPhone 6 e iPhone 6 Plus: all’estero costa meno, compatibilità e prezzi

Solo poche ore fa Apple ha presentato al mondo i nuovi iPhone 6 e iPhone 6 Plus. Si tratta probabilmente dei migliori telefoni che abbia mai prodotto, e infatti i prezzi sono salati. Ma all’estero si risparmia parecchio.

Parliamo di


All’evento di ieri sera, Apple ha presentato ufficialmente iPhone 6 e iPhone 6 Plus, due telefoni carichi di innovazione e molto più potenti rispetto alla generazione precedente. Ovviamente, chi sperava che un simile salto tecnologico arrivasse a buon mercato ha peccato di ingenuità: i nuovi gingilli di Cupertino costano cari, e per di più dicono pure addio al taglio intermedio da 32GB senza abbandonare però quello da 16GB (il che si traduce in maggiori introiti sull’entry level).

La situazione italiana

I prezzi nel nostro paese partono da 729€ ivate per la variante da 16GB, ma sfondano abbondantemente i 1.000€ per il modello di punta; una scaletta vertiginosa che rende l’iPhone 6 uno degli smartphone più costosi del mercato; e non è solo colpa della mela.

A peggiore ulteriormente il quadro c’è la trovata del nostro Ministro dei beni e delle attività culturali, Dario Franceschini, che ha portato ad un aumento vertiginoso delle tariffe legate al cosiddetto “equo compenso per copia privata.” Come noto, si tratta di un fastidioso balzello che serve a indennizzare autori ed editori dei mancati introiti derivanti dalla pirateria, come se tutti non facessimo altro che copiare film e canzoni. Viene applicato a prescindere su ogni CD, DVD, masterizzatore, telefonino, penna USB, PC, Tablet in commercio nel paese e ci costerà oltre 150 milioni di Euro l’anno.

La situazione all’estero

All’estero, invece, un po’ per la tassazione meno esosa e un po’ per altre dinamiche, i prezzi spesso sono molto più bassi. Negli USA, per gli iPhone 6 unlocked, senza vincoli contrattuali e senza VAT si arriva a questi prezzi:

iPhone 6 (16GB): 649$ (502€)
iPhone 6 (64GB): 749$ (580€)
iPhone 6 (128GB): 849$ (656€)
iPhone 6 Plus (16GB): 749$ (579€)
iPhone 6 Plus (64GB): 849$ (656€)
iPhone 6 Plus (128GB): 949$ (734€)

Ma il vero risparmio si fa a Honk Kong. A partire dal 19 settembre, iPhone 6 sarà disponibile a 5.588/6.388/7.188 HK$ (cioè 557/637/717€) per il modello da 16/64/128GB; l’iPhone 6 Plus da 128GB, invece, viene 8,088 HK$ cioè circa 807€. Sembrano prezzi più alti, ma a quelli statunitensi dovete aggiungere la VAT, che varia da Stato a Stato. In alcuni, tuttavia, è davvero molto contenuta: dipende da dove andrete in vacanza nei prossimi mesi.

Compatibilità con Tim, Vodafone, 3 (Aggiornamento)

compatibilita-iphone6-stranieri


Per quanto riguarda la compatibilità coi carrier italiani, non dovrebbero esserci problemi col nostro paese, tanto più che i network LTE praticamente sono ancora un progetto in corso d’opera. A giudicare dalla pagina delle specifiche tecniche di iPhone 6, infatti, entrambi i modelli supportano le medesime reti; l’unica differenza apparente è che la variante CDMA di Verizon supporta anche il CDMA, oltreché UMTS/HSPA+/DC-HSDPA, GSM/EDGE e LTE.

Nella documentazione Telecom Italia sull’asta delle frequenze LTE, si legge chiaramente che in Italia si sta investendo in LTE FDD e TDD:

Con la Gara Frequenze di Settembre del 2011 TIM e Vodafone hanno acquisito la stessa quantità di banda LTE FDD (2 blocchi da 5+5 MHz a 800 MHz; 1 blocco a 1800 MHz e 3 blocchi a 2600 MHz. Wind si è aggiudicata blocchi a 800 FDD (di cui uno specifico, cioè adiacente al canale 60 del servizio televisivo) e 4 blocchi FDD nella banda a 2600 MHz (1 è specifico). Tre ha acquisito 1 blocco a 1800 MHz e 4 a 2600 MHz, FDD (2 blocchi da 5+5 MHz) e TDD (2 blocchi da 15 MHz).

Ciò in altre parole significa che, come ci suggeriva correttamente toshir8, non dovete prendere i modelli A1549 e A1522, preferendo a questi i modelli A1586 e A1524 di iPhone 6 e iPhone 6 Plus. Trovate altre informazioni utili alla pagina del sito Apple dedicata a LTE.

Ti potrebbe interessare
Fornitore cinese chiude fabbrica per inquinamento
MacBook Air

Fornitore cinese chiude fabbrica per inquinamento

Catcher Technology, il fornitore taiwanese di scocche metalliche per i laptop di Apple, chiude parte della sua fabbrica di Suzhouper la fuoriuscita di strani odori dalla fabbrica. La produzione è ora diminuita del 20% e potrebbe avere ripercussioni sulla produzione dei MacBook Air.

iPhone 5 avrà un display da 4 pollici?
iPhone 5

iPhone 5 avrà un display da 4 pollici?

Di voci su iPhone 5 ce ne sono ormai a iosa sul web, dove l’introduzione di ulteriori mormorii riguardanti iPhone Nano stanno letteralmente scatenando le discussioni su forum e blog dedicati al mondo Apple.Tra le varie voci in circolo nelle ultime ore è iniziata a girare anche quella secondo la quale iPhone 5 avrà un

H.264 ha già vinto su Flash
iPhone

H.264 ha già vinto su Flash

Nel duro attacco sferrato da Steve Jobs contro Adobe e la sua tecnologia Flash, c’è un passaggio decisamente importante per gli utenti finali. Secondo Jobs, infatti, gli utenti di iPad e iPhone non si starebbero perdendo poi molto, perché se è vero che oggi il 75% dei video sul web è in Flash, è anche

Il prossimo Nike+ per iPhone sarà gestito con comandi vocali
Applicazioni iPhone

Il prossimo Nike+ per iPhone sarà gestito con comandi vocali

Con il prossimo sistema operativo 3.0 per iPhone, anche le applicazioni che da tempo Nike realizza in collaborazione con Apple potrebbero arricchirsi di nuove funzionalità.Da iLounge, partendo da alcune stringhe di codice rinvenute nella nuova versione 8.2 di iTunes, sono convinti che il futuro di parte dell’interfaccia delle applicazioni “sportive” per iPhone sia da ricercare

Cydia apre il suo store non ufficiale
iPhone 3G iPod touch

Cydia apre il suo store non ufficiale

L’applicazione per installare software non ufficiale su iPhone col jailbreak, Cydia, sta vivendo un periodo di transizione e si avvia a diventare un vero e proprio store virtuale antagonista dell’App Store ufficiale. In ballo c’è la libertà degli utenti ma anche tanti soldi.Al di là delle questioni legali, per molti utenti Cydia è il luogo

Jobs vs. Gates (la sfida vera…)
iPhone

Jobs vs. Gates (la sfida vera…)

Altro che BBC, questa è la VERA sfida tra i due guru dell’IT.Uno dei cartoon più divertenti che abbia mai visto, non ringrazierò mai abbastanza Filippo Corti per avercelo segnalato…

L’iPod più grande del mondo
iPhone

L’iPod più grande del mondo

Per la serie “Nuovi sport olimpici cercansi”, ecco una novità: cerca iPod su Google Maps. O su Google Earth, visto che ora ce l’abbiamo anche su Mac. In ogni caso questo tipo di campagne pubblicitarie basate su land art rischia di diventare una moda. L’immagine satellitare lì sopra sembra provenire da una vecchia miniera australiana.