iWatch e iPhone 6 difficilmente avranno vetro in zaffiro

I vetri in zaffiro finora prodotti non sono ancora giunti negli stabilimenti dove si assemblano gli iPhone 6

Parliamo di

Da diverso tempo si mormora che Apple abbia deciso di abbandonare il famoso Gorilla Glass per dotare i suoi prossimi dispositivi di un vetro in zaffiro. Non è infatti un mistero che Apple abbia collaborato con GT Advanced per creare un grosso impianto per la produzione di vetri in zaffiro.

Secondo alcune indiscrezioni GT Advanced ha installato più di 2500 fornaci che potranno forgiare quantità di vetro zaffiro comprese tra i 200 e i 235 Kg ciascuna. Una quantità notevole se si immagina quanto sottile e leggero possa essere lo schermo di un iPhone o di un iWatch.

Leggi: iPhone 6 da 5,5” in ritardo a causa del vetro Zaffiro

Tuttavia la produzione del vetro zaffiro per i dispositivi Apple sarebbe solo allo stadio iniziale, ben lontana dal raggiungere la produzione di massa di milioni di esemplari necessari per coprire la domanda di iPhone 6.

Secondo la società di ricerche di mercato TrendForce, Apple avrebbe dovuto cominciare ad inviare i vetri in zaffiro alle fabbriche che assemblano gli iPhone 6 a partire dal mese di giugno, per avviare la produzione a luglio e la commercializzazione a settembre. Al momento però non risulta che i vetri in zaffiro siano stati spediti, ad ulteriore conferma che l’iPhone 6 da 4.7 pollici sarà privo di vetro in zaffiro.

L’iPhone 6 da 5.5 pollici potrebbe invece essere dotato di vetro in zaffiro, ma proprio i problemi di produzione di questo prezioso componente potrebbero aver costretto apple a rinviare la produzione del grosso iPhone verso la fine dell’anno.

Per quanto riguarda l’iWatch, che sta subendo analoghi ritardi, alcuni analisti sostengono che difficilmente avrà un vetro in zaffiro, dato che lo smartwatch della mela dovrebbe essere dotato di un display OLED curvo ed è molto difficile produrre un vetro zaffiro che possa seguire questo andamento.

Leggi: iPhone 6 da 5,5″ e iWatch, lancio a dicembre secondo le fonti interne

Ti potrebbe interessare
Trapelati i codici di 13 nuovi Mac
iMac Mac Mac Pro

Trapelati i codici di 13 nuovi Mac

In rete sono trapelati alcuni tabulati sfuggiti da un rivenditore Apple australiano che mostrano 27 prodotti della Mela identificati da nuovi codici, di questi 13 sono relativi a nuove versioni di MacBook Pro, MacBook Air, iMac e Mac Pro, mentre i restanti sono relativi ad alcuni accessori.Oltre ai tabulati la “talpa” ha rivelato che Apple

iPad: Il nostro primo contatto con il simulatore dell’SDK 3.2 beta rivela molte sorprese
Applicazioni iPhone iPad

iPad: Il nostro primo contatto con il simulatore dell’SDK 3.2 beta rivela molte sorprese

Dopo aver visto il video del simulatore per iPad presente nell’SDK 3.2 beta abbiamo voluto testare alcune applicazioni sviluppate per iPhone per capire come potrebbero apparire sul nuovo tablet Apple. Prima di raccontarvi la nostra prova segnaliamo due funzionalità “sospette” rilevabili utilizzando il simulatore. La prima riguarda la possibilità di associare ad un contatto la

Disponibile Transmission 1.80
Software Apple

Disponibile Transmission 1.80

Transmission, il popolare client BitTorrent, giunge alla versione 1.80 introducendo alcune novità, già in parte anticipate nella versione beta.Transmission 1.80 implementa il supporto ai Magnet Link o link magnetici, sistema sempre più utilizzato nei servizi p2p, e ai torrent trackerless ovvero quando il tracker è down. Tra le altre cose, l’ultima versione di Transmission ripristina

App Store: la pirateria è più diffusa di quanto si pensi?
iPhone 3G iPod touch

App Store: la pirateria è più diffusa di quanto si pensi?

Il successo di App Store è sotto gli occhi di tutti, e buona parte di noi ha un’idea piuttosto precisa dell’entità del fenomeno del jailbreak di iPhone. Ma, in questo contesto, quale spazio ha la pirateria delle applicazioni?Secondo quanto riporta iLounge, Brian Greenstone (fondatore di Pangea Software) ritiene che il fenomeno sia assolutamente marginale. “Nella

Rilasciato Speed Download 5
iPhone

Rilasciato Speed Download 5

Consistente aggiornamento per Speed Download, ottimo download manager commerciale per Mac OS X, che giunge così alla versione 5.La società che lo produce, la Yazsoft, afferma che questo è l’aggiornamento più sostanzioso e ricco di novità di sempre, ed in effetti la lista dei miglioramenti è notevole. Alcune di queste riguardano: Profonda ottimizzazione ed integrazione

Google rilascia Library Data APIs per Cocoa
Software Apple

Google rilascia Library Data APIs per Cocoa

Se c’è una cosa veramente apprezzabile di Google, è che quando sviluppa qualcosa per Mac, lo fa molto bene. Spesso il loro supporto al mondo mac arriva un po’ in ritardo, ma sempre con ottime soluzioni. Anche adesso che ha messo a disposizione le sue API ai sviluppatori Mac, lo ha fatto nella maniera giusta: