Il lato oscuro della fila all’Apple Store per il nuovo iPhone 5s

Il video di un giovane filmaker è stato utilizzato senza autorizzazione da Apple per la formazione del personale

Parliamo di

Le code davanti agli Apple Store per il lancio di un nuovo prodotto della Mela sono un rito che si ripete immutato dal 2007, anno di lancio del primo iPhone. Difficile spiegare cosa spinga tante persone a passare notti all’addiaccio per accaparrarsi un iPhone che potrebbero tranquillamente ricevere a casa il giorno stesso, ma a quanto pare ciò che conta è esserci, essere parte di questo evento collettivo.

Casey Neistat, un giovane filmaker di New York, ha realizzato un documentario sulle code che si sono create davanti agli Apple Store per il lancio dell’iPhone 5s, nel tentativo di svelare il lato oscuro delle file.

Il documentario ha riscosso un grande successo, con quasi 4 milioni di visualizzazioni, e a quanto pare è piaciuto molto anche ad Apple che lo ha utilizzato internamente per motivare il personale che si occupa dell’assistenza clienti.

Apple tuttavia non ha proiettato il documentario originale, ma lo ha tagliato, doppiato e rimontato per crearne una versione ridotta, con tanto di logo e slogan aziendali, che ovviamente stravolgono completamente il racconto dell’autore, che parla di isteria collettiva.

Un anonimo dipendente Apple ha rivelato al New York Times che il video è stato caricato sui server interni il 30 settembre, quindi 9 giorni dopo la pubblicazione su Youtube dell’originale.

Casey Neistat piuttosto contrariato ha così commentato:

Non mi era mai successo di vedere un mio lavoro rubato in questo modo, hanno tolto il mio brand, sostituendolo addirittura con il loro.

Ti potrebbe interessare
iPod Out, l’intgrazione di BMW con iOS 4
iPhone 3G iPhone 3GS iPod touch

iPod Out, l’intgrazione di BMW con iOS 4

I nostri cugini di autoblog ci segnalano il prossimo passo evolutivo dell’iDrive di BMW: il Connected Drive, che consente di integrare nei sistemi multimediali di bordo periferiche come iPod touch e iPhone, grazie al supporto della funzionalità iPod Out presente in iOS 4.Il guidatore potrà controllare i dispositivi Apple direttamente dal quadro della BMW, il

Pandav registra le prime tracce di iPhone 3,1
iPhone

Pandav registra le prime tracce di iPhone 3,1

Pandav, software-house sviluppatrice di iBART, ha annunciato d’aver rilevato (nella zona di San Francisco) tra le statistiche d’uso dell’applicazione, la presenza di un nuovo dispositivo: iPhone 3,1. Si tratta sicuramente del codice interno del prossimo iPhone che presumibilmente sarà presentato la prossima estate: Apple ha quindi già cominciato i primi test.La stessa cosa accadde per

Steve vs Bill: podcast audio e video su iTunes
iTunes Store

Steve vs Bill: podcast audio e video su iTunes

Il video integrale dell’interessantissimo confronto tra i fondatori di Apple e Microsoft, che vi abbiamo già mostrato la settimana scorsa, è ora disponibile come podcast su iTunes Store. Oltre al video, è possibile scaricare anche la versione audio. Disponibili solo sullo store americano, entrambe sono comunque gratuite e scaricabili dovunque nel mondo ci si trovi,

Apple Tv minaccia il mercato dei lettori DVD?
iPhone

Apple Tv minaccia il mercato dei lettori DVD?

Steve Jobs la considererà un “hobby” ma le potenzialità di Apple Tv, in un paese dove l’iTunes Store vende film e serial tv, sono decisamente più grandi di quel che si potrebbe percepire in Italia. E’ semplice e con poche funzioni, è vero, ma anche dell’iPod si diceva lo stesso ai tempi del debutto. Apple

Nike+ iPod: ecco lo spot italiano
Accessori Apple iPod

Nike+ iPod: ecco lo spot italiano

Dopo il debutto nel Regno Unito, è arrivata sul sito di Nike+ anche la versione italiana dello spot europeo di Nike+ iPod. Unite alle grandi capacità dei creativi di Nike, quelle della comunicazione di Apple, ed ottenete uno spot realmente all’altezza delle altre campagne della casa dello swoosh. Lo slogan nella nostra lingua è meno