iPhone 5S, ancora foto della scocca e molti (troppi) dubbi

Sul Web ha fatto capolino l’ennesima serie di foto che ritrae -o dovrebbe ritrarre, almeno- la scocca posteriore del venturo iPhone 5S. Ma stavolta le incongruenze sono troppe.

Parliamo di

Qualche ora fa, su Sina Weibo, sono comparse un paio di foto che hanno fatto subito il giro del Web, passando dal cinese EXPreview (qui la traduzione automatica di Google) e poi perfino su MacRumors. Nel testo che accompagna gli scatti, l’autore si domandava semplicemente “Cos’è questo?” ma ben presto le speranze degli utenti hanno preso il sopravvento sui fatti.

Stando alle osservazioni di EXPreview si tratterebbe della scocca posteriore di un iPhone 5S, un telefono dotato -sempre secondo il sito cinese- di grafica a core quadruplo PowerVR SGX554MP4 come quello della quarta generazione di iPad, RAM aumentata a 2GB complessivi, fotocamera da 12 Megapixel con flash a doppio LED, supporto all’ultima generazione di LTE-Advance, supporto NFC e lettore di impronte digitali.

Il fatto è che la scocca in questione appartiene ad un volgarissimo iPhone 5 e non ad un 5S. La prova sta nella disposizione dei fori per le viti, compatibile al 100% con la scheda logica dell’iPhone 5 ma assolutamente inadatta per quella del 5S che abbiamo già visto in svariate occasioni, vera o falsa che sia.

E qualche dubbio è stato sollevato anche sulle specifiche in sé, che appaiono come un semplice consommé di vecchie indiscrezioni. E se il flash a doppio LED con design a goccia e la fotocamera migliorata possono essere considerate praticamente una certezza, sul raddoppio del quantitativo di RAM non ci conteremmo. Nei prototipi visti finora, infatti, la RAM Elpida si fermava al solito, vecchio GigaByte. Insomma, non tutti i rumors riescono col buco.

Ti potrebbe interessare
La prima applicazione ad usare le Notifiche Push
iPhone 3G iPhone 3GS

La prima applicazione ad usare le Notifiche Push

Mancano ancora due giorni alla disponibilità ufficiale di iPhone OS 3.0, e su App Store c’è già un’applicazione che supporta Notifiche Push pienamente funzionanti. Il gioco in questione è Tap Tap Revenge, e i primi test su strada dimostrano che il funzionamento delle notifiche istantanee è molto promettente, pur con qualche remora.Probabilmente non è un

App Store: la miliardesima applicazione è stata scaricata da un tredicenne
iPod touch

App Store: la miliardesima applicazione è stata scaricata da un tredicenne

Pochi minuti fa Apple ha diramato un comunicato stampa nel quale ha reso noto il nome del fortunato utente che ha effettuato il download numero 1.000.000.000 dall’App Store. Si tratta di Connor Mulcahey, un ragazzo di tredici anni di Weston Connecticut, negli Stati Uniti d’America. L’applicazione per iPhone che ha permesso al ragazzo di vincere

iWork ’09 su DVD non ha bisogno del seriale
Software Apple

iWork ’09 su DVD non ha bisogno del seriale

Nella sezione Support del sito Web di Apple è stata pubblicata una nota che precisa che iWork ’09 su DVD non richiede un numero seriale di attivazione. Soltanto la versione trial che si può scaricare online o quella che si trova preinstallata sui nuovi Mac, trascorsi i 30 giorni di prova, per poter continuare a

Alleniamo la mente su iPhone con Brain Challenge
iPhone 3G iPod touch

Alleniamo la mente su iPhone con Brain Challenge

Di Brain Challenge, sviluppato da Gameloft, vi avevamo già accennato: si tratta di un gioco utile a mantenere in allenamento il nostro cervello.L’applicazione vanta 43 mini giochi suddivisi in cinque categorie: vista, memoria, logica, calcoli e focus. Una volta risolto il gioco, vengono memorizzati i risultati ed all’occorrenza l’utente può visionare i propri progressi attraverso

MacBook Air, un Mac multitouch
iPhone

MacBook Air, un Mac multitouch

Una delle novità più interessanti introdotte dai MacBook Air, delle quali credo non si sia ancora parlato abbastanza, è l’uso dell’interazione multitouch sui trackpad. Per dirla in parole povere, ora viene pubblicizzata la capacità del trackpad più generoso di reagire al tocco di più di un dito alla volta, proprio come avviene sullo schermo di