Apple e Sony, accordo sui sensori dei futuri iPhone

I sensori destinati alle future generazioni di iPhone saranno progettati e forniti da Sony.

Sony è in procinto di firmare un accordo con Apple per fornirle i sensori destinati alle future generazioni di iPhone. Tuttavia, scrive il quotidiano nipponico Nikkei, non c'è ancora nulla di certo, visto che le trattative sono tuttora in corso.

Se la partnership strategico andrà in porto, le consegne di Sony dedicate a Cupertino potrebbero raddoppiare entro il 2015:

La società giapponese fornisce già quasi tutti i sensori CMOS ("complementary metal-oxide semiconductor") per le fotocamere posteriori degli attuali modelli di iPhone. Apple intende probabilmente passare ai sensori Sony anche per la fotocamera secondaria che sta sullo schermo, utilizzata per farsi gli scatti fotografici.

E per far fronte all'impennata degli ordinativi, non a caso Sony ha recentemente acquisito un nuovo impianto produttivo che sarà destinato interamente ai sensori per la mela. Si parla di un investimento pari a 35 miliardi di Yen e che fornirà un incremento della capacità produttiva pari grossomodo al 25%.

iphone-5s-touch-id-top

La cosa va certamente intesa come una buona notizia per gli utenti, visto che dovrebbe portare in dote sensori di qualità molto superiore rispetto a quelli attuali. Storicamente, Apple ha sempre aggiornato la fotocamera posteriore ad ogni nuova versione dell'iPhone, che ora raggiunge gli 8 Megapixel; quella anteriore, invece, è sempre stata un po' la sorella minore, tant'è che su quel fronte siamo ancora fermi a 1,2 Megapixel. La brutta notizia è che se ne riparlerà per lo meno con iPhone 6s o quel che sarà: non c'è materialmente il tempo perché l'accordo produca i suoi effetti in tempo per la commercializzazione della prossima generazione di iPhone.

  • shares
  • Mail