Time Machine Mac: come e perché effettuare un backup su disco

Sembra incredibile, eppure un enorme numero di utenti ancora non ha compreso l'importanza del backup, salvo poi scoprirlo quando è troppo tardi. Ecco come e perché dovete iniziare a usare Time Machine subito, gli errori più comuni da evitare, e qualche dritta per non perdere mai i vostri dati.
Sembra incredibile, eppure un enorme numero di utenti ancora non ha compreso l'importanza del backup, salvo poi scoprirlo quando è troppo tardi. Ecco come e perché dovete iniziare a usare Time Machine subito, gli errori più comuni da evitare, e qualche dritta per non perdere mai i vostri dati.

Time Machine è il meccanismo di backup di Apple, presente su macOS da molti anni ormai. È un servizio automatico che effettua copie di sicurezza dei dati contenuti sul Mac: una ogni ora nelle ultime 24 ore, una al giorno per il mese passato e una a settimana per i mesi precedenti. E non prendete sotto gamba la questione, perché prima o poi un malfunzionamento o un casino software càpitano a tutti, ed è necessario che il backup sia stato effettuato prima del guasto, altrimenti perderete tutti i vostri dati.

[related layout=”big” permalink=”https://www.melablog.it/post/206001/fine-produzione-router-apple-airport”][/related]

Fino ad oggi, gli utenti potevano avvalersi dei router Apple per effettuare backup anche in WiFi, ma ora che Apple ha dismesso la linea Airport, le opzioni si riducono.

Con o Senza Fili?

[img src=”https://media.melablog.it/d/d6a/time-capsule.jpg” alt=”time-capsule.jpg” align=”center” size=”large” id=”206012″]

In generale, l’esperienza ci ha insegnato che la funzionalità di server Time Machine di High Sierra non è sufficientemente stabile, e sconsigliamo gli hard disk connessi ai router dei gestori di telefonia; a nostro giudizio, le soluzioni migliori per i backup su Mac attualmente sono due:

Senza Fili: Airport Extreme (190€) o Time Capsule 2TB (299€) che noi compreremmo ancora, anche se destinate all’oblio. Quando il supporto WiFi diventerà inadeguato, infatti, potranno essere comunque connesse via Ethernet alla massima velocità possibile. D’accordo, è una scatoletta in più da alimentare che si aggiunge al resto, ma la stabilità e la tranquillità che ci hanno regalato i gingilli Airport in tutti questi anni è impagabile.
Con Cavo: È il classico hard disk esterno connesso al Mac ogni volta che serve. Coi computer fissi è facile, perché basta tenerlo sempre collegato per far sì che i backup vengano eseguiti con assiduità; coi portatili, invece, occorre ricordarsi di collegarlo a mano di tanto in tanto. La soluzione via USB, FireWire o Thunderbolt è quella in assoluto più affidabile nel tempo.

Configurare Time Machine

[img src=”https://media.melablog.it/f/f10/time-machine-apple.png” alt=”time-machine-apple.png” align=”center” size=”large” id=”206013″]
Data l’importanza di questa feature, macOS è molto aggressivo e appena individua un nuovo hard disk collegato al computer, chiede se volete utilizzarlo come destinazione Time Machine. È sufficiente dire di sì, e il backup inizierà automaticamente.

Quali e Quanti Hard Disk

[img src=”https://media.melablog.it/a/ab8/tanti-hard_disk.jpg” alt=”tanti-hard_disk.jpg” align=”center” size=”large” id=”206017″]

Oggi come oggi, è impensabile utilizzare un computer senza un qualche paracadute in casi di emergenza; senza contare che oramai i prezzi degli hard disk risultano davvero molto accessibili. Non lesinate sullo spazio, né sulla quantità di dischi; Time Machine può effettuare le copie su più hard disk contemporaneamente, ed è un’ipotesi da prendere in considerazione.

A mo’ di esempio, la situazione domestica di chi scrive (non parliamo di ufficio, ma proprio del salotto di casa) prevede la seguente configurazione:

  • 1. Due Hard Disk per Time Machine collegati ad una vecchia Airport Extreme, collegata a sua volta via Ethernet al router Fastweb. Time Machine dovrebbe sempre avere uno o più dischi dedicati, che usate solo a quello scopo, e su cui non infilate altri dati.
  • 2. Due Hard Disk (1 copia speculare dell’altro) che fanno da archivio per film e musica. Patrimonio multimediale che ha rischiato di andar perduto in ben due occasioni, quando il disco era ancora uno soltanto. Motivo per cui, è stato necessario affiancarne un secondo su cui vengono copiati i dati dell’altro con cadenza regolare, grazie ad app come Carbon Copy Cloner o ChronoSync.

Se siete in dubbio sui dischi da acquistare, vi diamo qualche consiglio. Scegliete un hard disk esterno USB 3.0, da almeno 1 TB (meglio 2TB, visto che costa solo 10€ in più), autoalimentato se vi interessa soprattutto la portabilità. Qualcosa tipo:

[related layout=”big” permalink=”https://www.melablog.it/post/110909/time-machine-backup-ridondanti-su-drive-multipli”][/related]

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti