Safari continua a perdere utenti desktop, Firefox ed Edge sempre più vicini

Google Chrome gioca un campionato a sé, ma la lotta per il secondo posto del podio è molto accesa: Safari rischia.

Il browser più utilizzato al mondo è Google Chrome, e non è di certo una scoperta. A (enorme) distanza troviamo le altre soluzioni offerte dal mercato, ovvero Safari, Edge, Firefox e Opera. La proposta di Apple per diversi anni ha difeso saldamente la seconda posizione, ma la tendenza pare sia sul punto di cambiare.

Come mostrano gli ultimi dati condivisi da StatCounter, Safari ha conquistato il secondo gradino del podio anche a gennaio 2022, ma due competitor sono più vicini che mai. Parliamo in particolare di Edge – dal 2019 ricostruito come browser basato su Chromium – e Firefox, la punta di diamante di Mozilla.

A livello globale, a gennaio il 9.84% degli utenti ha usato Safari per navigare in rete, il 9.54% Microsoft Edge e il 9.18% Firefox. Quest’ultimo ha registrato un’importante crescita nel giro di un anno: a gennaio 2021 era all’8.1%. La medaglia d’oro ovviamente a Google Chrome, con il 65.38% della quota di mercato.

Safari Gennaio 2022

Per fare un confronto, Safari a gennaio 2021 aveva dalla sua una quota di mercato del 10.38%. I numeri parlano chiaro, il browser di Apple ha perso utenti e nel corso dei prossimi mesi potrebbe passare in terza posizione.

Safari ha un certo vantaggio su Edge nel mercato statunitense (18.12% vs 12.09%), ma ha perso il secondo gradino del podio in Europa.

In ogni caso, le percentuali del browser di Apple restano importanti: non bisogna infatti dimenticare che Safari è una esclusiva di macOS, gli altri – Chrome, Edge e Firefox – sono invece disponibili sia su Mac che PC Windows.

Ti potrebbe interessare
Apple cambia la politica dei commenti su App Store
App Store

Apple cambia la politica dei commenti su App Store

Apple ha da poco modificato la politica relativa all’inserimento di commenti all’interno dell’App Store. Dopo innumerevoli solleciti è ora possibile lasciare commenti su un’applicazione soltanto se la si è scaricata (o acquistata).A richiedere la modifica sembrano essere stati in particolare gli sviluppatori, i quali lamentavano la presenza di troppi interventi inopportuni: alle volte lo spazio

Bob Dylan deve qualcosa ad Apple?
iPhone

Bob Dylan deve qualcosa ad Apple?

Che il nuovo lavoro di Bob Dylan, Modern Times, fosse destinato ad un successo di critica era cosa ovvia. Anche un buon successo di pubblico era auspicabile. Ma non un successo così grande. AdvertisingAge, sito imperdibile per chi si occupa di comunicazione, analizza il fenomeno ed indica come causa del successo… Apple. Bob Dylan, infatti,

Il PVR che fa pendant con il Mac mini
iPhone

Il PVR che fa pendant con il Mac mini

Miglia ha presentato TV Max, un nuovo videoregistratore analogico per Mac fatto apposta per combinarsi con il Mac mini. TV Max, che riprende il form factor del fortunato compatto con la mela, è dotato di un tuner TV analogico (PAL o NTSC, a seconda del mercato) che permette di vedere la TV e di registrarla