Caricatore Apple a doppia USB: spuntano le prime foto

Apple sta lavorando ad un nuovo caricatore da 35W con doppia porta USB. Se lo è lasciato scappare per errore un documento di supporto.

Apple sta lavorando ad un nuovo tipo di accessorio, un caricatore da 35W con doppia porta USB che permette di ricaricare contemporaneamente due dispositivi. Lo rivela un documento di supporto pubblicato per errore e poi rimosso rapidamente.

Caratteristiche del Caricatore

Non è chiaro se Apple abbia intenzione di lanciare un caricabatterie del genere nei prossimi mesi, o se invece l’abbia sviluppato per poi decidere di lasciarlo nel cassetto. Quel che sappiamo è che questo gingillo esiste ed è pronto per la vendita/produzione di massa.

In un documento comparso brevemente online per qualche ora, Apple scriveva:

Usa l’adattatore Apple Dual USB-C da 35W con il cavo USB-C (non incluso) per ricaricare il tuo dispositivo. Connetti il cavo USB-C a una delle due porte dell’adattatore, apri la spina (se necessario), poi collega l’adattatore alla corrente in modo saldo. Assicurati che l’adattatore sia facilmente raggiungibile per scollegarlo. Connetto l’altro lato del cavo al tuo dispositivo.

Queste di seguito sono le specifiche ufficiali del misterioso caricabatterie:

  • Input: 100–240V /1.0A
  • (USB PD) Output 1 or 2: 5VDC/3A or 9VDC/3A or 15VDC/2.33A or 20VDC/1.75A

Ciò implica che potrebbe ricaricare contemporaneamente un iPhone 13 Pro Max alla potenza massima di 27W, più un altro accessorio come Apple Watch, che con l’ultima versione supporta la Ricarica Veloce a 5W.

Prime Foto [Agg.]

ChargerLAB ha pubblicato quelle che dovrebbero essere le prime immagini del caricatore a doppia USB-C di Apple. Si vede un design estremamente compatto, adatto a caricare una gran quantità di dispositivi eterogenei, come iPhone, iPad, MacBook Air e HomePod mini.

Se Apple decidesse davvero di lanciare un dispositivo simile, sarebbe il primo caricatore con tecnologia GaN della storia. In ogni caso, l’assenza non si nota: sul mercato esistono già soluzioni di altissimo livello tecnologico (e a buon mercato) che sopperiscono alla lacuna.

 

Ti potrebbe interessare