iPhone con display da 5” pollici, Tim Cook torna sull’argomento

In seguito alla presentazione dei dati economici relativi al trimestre fiscale Q2 2013, un giornalista ha chiesto a Tim Cook indiscrezioni sul possibile lancio di un iPhone con display da 5″ come comanda la moda del momento. E la risposta non ha tradito le aspettative.

Parliamo di

Pur di immaginarne uno dal vivo, c’è chi è arrivato a costruirselo con carta, forbici e colla. Non è la prima volta che parliamo di un futuro iPhone con display da 4.94 pollici (arrotondato a 5″ dal marketing) come comanda la moda del momento. Per molti osservatori e utenti, infatti, costituirebbe una risposta adeguata alla crescita in altezza e larghezza sperimentata sui Samsung Galaxy più recenti. E non è un caso che, in tempi non recentissimi, parlassimo di iPhone Plus e iPhone Maxi senza pulsante home e caratterizzati da un display Retina da 1136 x 640 pixel e 264 dpi.

A sentire i rumors, potrebbero arrivare già nel 2014, ma se le parole dell’attuale iCEO hanno un valore, stiamo riponendo le nostre speranze nel prodotto sbagliato. All’iPhone da 5″, per il momento, Apple non ci pensa neppure:

La mia opinione continua ad essere che iPhone 5 abbia il miglior display dell’industria. Ci sforziamo sempre di creare il miglior display possibile. Alcuni clienti apprezzano gli schermi particolarmente larghi. Altri invece apprezzano qualità come la risoluzione, la qualità del colore, il bilanciamento del bianco, la riflettanza, i consumi energetici, la compatibilità con le app e la portabilità. I nostri competitor hanno dovuto ricorrere a significativi compromessi in tutte queste aree per creare display più grandi. Fintanto che sussisteranno simili compromessi, noi non progetteremo iPhone con display più grandi.

E fateci caso, non è che abbia negato la possibilità tout court: ha semplicemente affermato che, allo stato attuale dello sviluppo tecnologico, non gli va di sacrificare la qualità complessiva del dispositivo sull’altare del “più grande è, meglio è.” Un’ostinazione che fa onore allo stile di Cupertino, almeno fintanto che il mercato continuerà a darle ragione.

Traduzione per i più impazienti: niente iPhone 6 con schermo ipertrofico prima del 2015. Su questo versante, a quanto pare, i produttori Android si faranno la guerra da soli ancora per molti anni.

Ti potrebbe interessare
Apple ha venduto un milione di nuove Apple Tv
iPhone

Apple ha venduto un milione di nuove Apple Tv

Altro che hobby, la nuova versione di Apple TV sembra stia andando decisamente meglio della precedente. Così Apple ha annunciato, oggi, che le vendite della sua nuova Apple TV sono pronte a raggiungere un milione di unità entro questa settimana. Gli utenti mondiali di iTunes al momento noleggiano e acquistano oltre 400.000 episodi televisivi e

Apple’s Mothership: una gallery dell’Apple Store di Cupertino
iPhone

Apple’s Mothership: una gallery dell’Apple Store di Cupertino

La sede di Apple è a Cupertino, in California. Infinite Loop è il nome della strada ai bordi della quale sorgono i diversi stabili dell’azienda. Tra questi, c’è l’Apple Store per eccellenza, l’ape regina dei negozi Apple sparsi in giro per il mondo, soprannominato anche “The Mothership”, la nave ammiraglia. Come per molte delle cose

Apple riconosce il problema delle spaccature sui MacBook
Mac

Apple riconosce il problema delle spaccature sui MacBook

Giunge un po’ tardiva ma benvenuta la notizia che, lo scorso Marzo, Apple avrebbe inviato una circolare interna a tutti gli Apple Store e ai centri autorizzati in cui si invitavano a riparare gratuitamente – entro certe condizioni – i famigerati MacBook con le spaccature sul guscio in policarbonato.Come detto, però, il difetto viene riconosciuto

Buddi: gestore delle finanze semplice da usare
iPhone

Buddi: gestore delle finanze semplice da usare

Giunto alla versione 3.0, Buddi è un piccolo software per OS X per la gestione delle finanze personali che si indirizza esplicitamente agli utenti che desiderano tenere il passo di entrate ed uscite, pur senza un background specifico in economia e finanza.Il software, infatti, appare come un buon compromesso tra facilità d’uso e numero di