Munster: Italia terzo mercato per iPhone

Sembra che le nostre stime sulle vendite di iPhone 3G in Italia vadano ritoccate verso l’alto, e di molto. Almeno secondo il noto analista Gene Munster.In un report diffuso ieri agli investitori, l’osservatore di Piper Jaffray fa il punto sulle vendite di iPhone nel primo weekend di disponibilità, suddividendo il milione di dispositivi che Apple

Parliamo di

Sembra che le nostre stime sulle vendite di iPhone 3G in Italia vadano ritoccate verso l’alto, e di molto. Almeno secondo il noto analista Gene Munster.

In un report diffuso ieri agli investitori, l’osservatore di Piper Jaffray fa il punto sulle vendite di iPhone nel primo weekend di disponibilità, suddividendo il milione di dispositivi che Apple ha dichiarato di aver venduto per i vari mercati.
Emerge così che l’Italia è il terzo mercato al mondo di iPhone con 88.000 unità vendute, dopo Stati Uniti (400mila) e Gran Bretagna (250mila). Da sottolineare che questi dati, secondo Munster, sono relativi ad unità immesse nei canali di vendita.

Il dato fa decisamente impressione, tanto da suscitare qualche dubbio sulla sua veridicità, soprattutto alla luce delle critiche alle tariffe in abbonamento applicate dagli operatori italiani.
Tuttavia abbiamo avuto una sostanziale conferma dai nostri contatti presso i carrier, che hanno sottolineato: “la domanda per iPhone 3G è elevatissima, ne avessimo a disposizione il doppio, li venderemmo tutti“.

Dalla sponda Vodafone, ci viene detto qualcosa di più, a mezza bocca: “la gente vuole iPhone senza contratto. Direi che più del 70% di quelli che abbiamo venduto è in versione ricaricabile, e se non avessimo spinto tanto gli abbonamenti, la percentuale sarebbe stata ancora più alta“.

Da questo si possono trarre alcune considerazioni interessanti.

Se non è una novità la scarsa predilezione degli italiani per gli abbonamenti, emerge con forza il fatto che la clientela ritenga i prezzi di 499€ e 569€ adeguati alle caratteristiche del dispositivo. Ma in fondo, anche questo non stipisce: a ben guardare, la concorrenza di iPhone 3G è costituita da modelli molto diversi tra loro, ma tutti sostanzialmente allineati sulla stessa fascia di prezzo.

Infine un ultimo dato: secondo quanto ci hanno detto gli amici francesi di Macbidouille, non sarebbero pochi i transalpini (frontalieri e non) che hanno varcato il confine per acquistare iPhone nel belpaese, e per un duplice motivo. Da un lato le vendite di iPhone 3G in Francia cominceranno solo domani, con una settimana di ritardo, dall’altro Italia e Belgio sono gli unici paesi in cui viene venduto senza contratto: ma da noi costa meno…

Ti potrebbe interessare
iWatch: Concept di orologio in perfetto Apple Style
Accessori Apple

iWatch: Concept di orologio in perfetto Apple Style

E adesso che abbiamo l’iPad, cosa potrebbe inventarsi Steve Jobs per stupirci ancora ?Ma certo, un dispositivo con un touchscreen piccolo, molto piccolo, tanto piccolo da essere grande come un orologio, un iWatch per l’appunto.Non c’è dubbio, i ragazzi di ADR Studio hanno avuto un’ottima intuizione ed anche un’indiscutibile dote creativa nel realizzare questo concept

iPhone: ora si può “aprire” anche l’1.1.2
iPhone

iPhone: ora si può “aprire” anche l’1.1.2

Seguendo di pochi giorni la controparte per iPod touch, arriva ora la possibilità di “aprire” alle applicazioni di terze parti anche il firmware 1.1.2 di iPhone.La procedura, pur sostenuta da una GUI, opera in modo un poco complicato e necessita di un iPhone con firmware 1.1.1 attivato con iTunes: chi avesse già installato il nuovo

E se iPhone fosse un AppleBerry?
iPhone

E se iPhone fosse un AppleBerry?

I rumor riguardanti un iPhone non vi bastano? Niente paura, adesso arrivano quelli riguardanti un AppleBerry! Secondo l’analista Peter Misek, infatti, Apple e Rim potrebbero allearsi per la creazione di un BlackBerry con funzioni multimediali. Il vero punto di incontro tra Apple e Rim, che le rende aziende affini, è il pieno controllo di entrambe

WWDC 2006: conferma ufficiale per Leopard
iPhone

WWDC 2006: conferma ufficiale per Leopard

Apple ha aggiornato le pagine dedicate al WWDC 2006 e, come confermavano già le pagine di Boot Camp, è ormai ufficiale la presentazione in quell’evento di Leopard. L’evento, quindi, pur rivolgendosi principalmente direttamente agli sviluppatori, interesserà tutti gli Apple user. Appuntamento a San Francisco dal 7 all’11 agosto, periodo per il quale si attenderebbero anche