La slitta per le nano SIM del nuovo iPhone 5

Dopo l’approvazione da parte dell’ETSI del nuovo standard per le nano SIM proposto da Apple, era giunta notizia che le compagnie telefoniche ne stessero facendo incetta in previsione dell’adozione di queste piccole SIM nel nuovo iPhone 5, dato che la stessa Apple aveva inviato agli operatori telefonici appositi adattatori per utilizzare le nuove nano SIM

Parliamo di


Dopo l’approvazione da parte dell’ETSI del nuovo standard per le nano SIM proposto da Apple, era giunta notizia che le compagnie telefoniche ne stessero facendo incetta in previsione dell’adozione di queste piccole SIM nel nuovo iPhone 5, dato che la stessa Apple aveva inviato agli operatori telefonici appositi adattatori per utilizzare le nuove nano SIM negli attuali iPhone.

Il sito francese Nowhereelse ha pubblicato una serie di immagini che ritraggono la presunta slitta per le nano SIM del nuovo iPhone 5, che comparata con l’attuale slitta per le micro SIM dell’iPhone 4S risulta effettivamente più piccola, con dimensioni adatte ad accogliere una nano SIM.

Dalle immagini però si nota anche il diverso colore delle due slitte, più scura e brunita quella destinata al nuovo iPhone, che confermerebbe il nuovo design in alluminio della scocca posteriore dell’iPhone 5.

Nowhereelse ha pubblicato anche le immagini dei presunti tasti home del nuovo iPhone 5, in versione sia bianca, sia nera, che comparati con quelli dell’iPhone 4S risultano leggermente più piccoli, come per altro risulta dalle accurate misurazione effettuate sul vetro frontale.

Insomma tutti i pezzi del mosaico sembrano incastrarsi alla perfezione, ma dovremo comunque attendere fino al 12 settembre per la presentazione ufficiale del nuovo iPhone 5.

iPhone 5 nano SIM
iPhone 5 nano SIM
iPhone 5 nano SIM

Ti potrebbe interessare
OpenCL e la scomparsa di NVIDIA dai Mac a vantaggio di AMD e Intel
iPhone

OpenCL e la scomparsa di NVIDIA dai Mac a vantaggio di AMD e Intel

Le GPU Intel e AMD invadono i nostri Mac, eclissando totalmente le schede NVIDIA. Però questa tendenza ha radici nello stesso successo di NVIDIA, tant’è che due anni fa aWilito si chiedeva se le NVIDIA sparirebbero nei futuri Mac, come sembra regolarmente avvenuto oggi. La delusione è tutta della base di programmatori OpenCL: Da tempo AMD promette di rilasciare i SDK per le sue schede più recenti, annunciati per il 2011, ma per il momento l’azienda non ha fornito molti attrezzi per gli sviluppatori. Sembra inoltre che le GPU AMD non supportano OpenCL Image sotto Mac OS X, quando questo avveniva per la schede NVIDIA.

Brevetti: Apple pensa a Spaces per iPad
iPad Software Apple

Brevetti: Apple pensa a Spaces per iPad

Tentare di capire cosa abbiano di preciso in mente a Cupertino con iOS 5, in arrivo al prossimo WWDC, corrisponde grossomodo a una divinazione. Ma tra le novità potrebbe esserci questa versione di Spaces potenziata ai gesture multi-touch e congegnata per iPad o dispositivo equipollente.L’idea è semplice e la conosciamo già: un sistema per gestire

Haptic: il tablet con Mac OS X
iPhone

Haptic: il tablet con Mac OS X

Agli annunci in pompa magna sono seguiti i fatti e così Haptic, il tablet prodotto da Axon Logic in grado di far girare Windows, Linux e Mac OS X, è diventato realtà. Ma non ditelo in giro.E’ curioso l’approccio adottato dal produttore di questo versatile e massiccio dispositivo. Se da una parte infatti si fa

iBooks non sarà incluso “di serie” su iPad
Applicazioni iPad iPad

iBooks non sarà incluso “di serie” su iPad

A dare un’occhiata alla pagina ufficiale del sito Apple dedicata ad iPad ci si rende presto conto di una cosa, soprattutto se si è appassionati di ebook: iBooks, l’app che gestirà l’acquisto e la gestione dei libri digitali su iPad, vi viene descritta come una semplice applicazione. Da scaricare come tutte le altre: “iBook app

LivingSocial: condividere le proprie preferenze con iPhone
iPod touch

LivingSocial: condividere le proprie preferenze con iPhone

LivingSocial è un’applicazione per iPhone che, esattamente come Facebook, permette di accedere direttamente al social network omonimo, dove poter condividere con gli altri i propri gusti e le proprie preferenze.Inserendo i dati di accesso al network (a cui ci si può iscrivere anche direttamente dall’applicazione) si viene in contatto con la comunità di utenti, ed