iPhone XR: limiti della fotocamera rispetto ad iPhone XS

Costa meno e offre quasi le stesse funzionalità. Sulla carta iPhone XR sembra possedere un rapporto prezzo/prestazioni più favorevole rispetto ad iPhone XS, ma la fotocamera fa molta differenza.

Parliamo di

Aggiornamento del 16 novembre 2018

In linea generale, iPhone XR è un ottimo sostituto di iPhone XS per chi non dispone del budget necessario per quest’ultimo, o non vuole investire così tanto per un telefono. Il processore è lo stesso A12 Bionic dei modelli di punta, così come il Face ID e la telecamera (che però su XS è a doppia lente). Tuttavia, sebbene condividano l’ottica e il sensore e in teoria offrano le medesime feature, in realtà qualche differenza c’è nel bene e nel male.

iPhone XR: se ne venderanno meno perché è bruttino

Fratelli ma Non Gemelli

A leggere le specifiche, sembrano identici: Sia iPhone XS che iPhone XR supportano la Smart HDR, l’Illuminazione Ritratto, il Controllo Profondità e la Modalità Ritratto, ma quella dell’XR funziona solo sulle persone, e non su oggetti e animali. Lo hanno scoperto i giornalisti durante i test post-evento coi dispositivi.

Non è un grosso problema, di per sé; dopotutto la Modalità Ritratto viene utilizzata principalmente con soggetti umani, ma talvolta è divertente giocherellare col Bokeh per vedere l’effetto che fa.

La ragione di questa importante restrizione sta nei limiti dell’hardware stesso; in assenza della doppia fotocamera, la tecnica di scatto viene emulata via software. Dunque, non ci aspettiamo la stessa identica qualità.

XR Batte XS

Tuttavia, iPhone XR batte XS per un paio di particolari: è il primo smartphone con la mela a supportare la Modalità Ritratto con la lente Wide Angle, anche perché è l’unica disponibile; iPhone X, XS e XS Max a tutt’oggi utilizzano invece la telephoto, il che rende complicati gli scatti più da vicino. L’XR fa foto con apertura di diaframma pari a f/1.8 contro l’f/2.4 con telephoto dell’XS e XS Max, il che produce scatti molto migliori in condizioni di bassa luminosità.

Una differenza tale da aver suscitato il rimorso da acquisto sbagliato in qualche utente, ma attenzione; il problema è software, e non c’è nulla a livello hardware che XS non fare come e meglio dell’XR. Basterebbe che Apple implementasse la medesima funzionalità in un futuro aggiornamento di iOS.

“La cosa più importante da tenere a mente nel confronto tra iPhone XR a XS,” spiega John Gruber, “è questa: se volete usare lo zoom ottico, iPhone XS vale le centinaia di Euro in più che costa solo per questo; ma se non vi interessa lo zoom, dovreste certamente considerare l’acquisto dell’iPhone XR.”

Conclusioni

Guarda la galleria: Shot on iPhone XR

Guardate le immagini qui in alto, pubblicate sul sito Apple in occasione della nuova campagna Shot on iPhone XR. Si tratta di alcune delle più belle foto mai fatte con un telefono Apple.

Tra l’altro, e qui chiudiamo, occorre sottolineare che a livello di ottica non c’è un gran divario tra la telecamera di iPhone X e quella dei suoi successori; si tratta di moduli a 12 Megapixel, ma con alcune importanti differenze:

  • Innanzitutto, i pixel sono più ampi e quindi catturano più luce.
  • Lo Smart HDR registra ad ogni clic 9 scatti contemporanei con diverse esposizioni, e poi le fonde per creare la foto perfetta.
  • Il Controllo Profondità permette di modificare in post-produzione l’apertura del diaframma, tra f/1.4 e f/16. In altre parole, si può cambiare l’intensità della sfocatura dello sfondo con un tocco.

Qualcuno afferma che il grosso delle novità sembra più dato dai raffinamenti software che dagli avanzamenti dell’hardware, e sicuramente c’è del vero; ma proprio per questo, e nonostante le limitazioni, iPhone XR continua a sembrarci un ottimo prodotto, se non fosse per quel cornicione così spesso da far desistere all’acquisto milioni di potenziali acquirenti.

Ti potrebbe interessare
Un aggiornamento per risolvere il bug dell’allarme di iOS
iPhone Software Apple

Un aggiornamento per risolvere il bug dell’allarme di iOS

Gli utenti Apple dell’emisfero australe boreale hanno avuto alcuni bruschi risvegli ultimamente. L’app della sveglia dell’iPhone e dell’iPod touch ha iniziato a suonare un’ora prima in alcune regioni del continente australiano e in Tasmania, a causa di un bug del programma che non ha effettuato il cambiamento orario quando l’ora solare è entrata in vigore,

Apple si preparerebbe a lanciare un iPhone 3GS da 8Gb
iPhone 3GS

Apple si preparerebbe a lanciare un iPhone 3GS da 8Gb

L’operatore Rogers, in Canada, sarebbe in procinto di distribuire iPhone 3GS da 8Gb ai rivenditori canadesi che ne avrebbero precedentemente fatto richiesta.La notizia, malgrado sia debolmente avvalorata da una fotografia (in alto), non aggiunge nessun dettaglio circa il prezzo. Il rumor, appare comunque verosimile: continuare a far coesistere iPhone 3G e 3GS non avrebbe avuto

Microsoft, Intel e lo spettro della crisi
iPhone

Microsoft, Intel e lo spettro della crisi

I risultati trimestrali di Microsoft ed Intel non hanno positivamente sorpreso come quelli di Apple. L’utile netto dell’azienda di Redmond è infatti crollato dell’11%, mentre per il colosso dei semiconduttori le previsioni non dicono nulla di buono.Tempo di tagli, dunque. A poche ore di distanza dalla pubblicazione dei risultati, Microsoft ha annunciato un programma di

Apple riconosce i problemi di random shutdown
Mac

Apple riconosce i problemi di random shutdown

Vi ricordate i problemi di riavvio automatico dei MacBook di cui abbiamo parlato pochissimi giorni fa? Mentre alcuni utenti volenterosi hanno già scoperto il difetto di progettazione che li provoca, Apple si “accorge” oggi del problema. Solo recentemente, infatti, viene aperto un brevissimo capitolo sulle pagine di supporto. Certo non ci si spreca: “Se il

Alky, convertire eseguibili Windows per Mac
Software Apple

Alky, convertire eseguibili Windows per Mac

Oggi Ossblog ha parlato di un progetto molto ambizioso, chiamato Alky. Cos’è Alky? Si tratta di un sistema per convertire i binari da codice eseguibile per Windows alle librerie Mac Os X e Linux. Il progetto è dedicato principalmente alla conversione automatizzata di videogiochi, e sul fronte Mac sembra già ad un livello avanzato. Alky

Mail, back to success
iPhone

Mail, back to success

Si lo so, oggi parlo solo di Tiger… mi sono svegliato così. Putroppo, gli stipendi arrivano il 10 del mese, e la Tigre non è ancora sul mio PowerBook, ho però dato un occhio alle nuove icone di Mail 2.0… a voi piacciono? A me no.Cage Fighter, tornate indietro nel tempo mantenendo la nuove funzionalità.[via]