Barclays: il WWDC rafforzerà l'ecosistema Apple

L'analista di Barclays Ben Reitzes si è recentemente soffermato sull'evento con la mela della prossima settimana; la World Wide Developers Conference (WWDC) 2012, spiega, servirà a rafforzare ed estendere il primato dell'ecosistema Apple sui competitor, grazie ad un mix di hardware e software destinato ad impennare le vendite di Mac e di dispositivi iOS durante la seconda metà dell'anno.

Nel tempo, Apple ha saputo creare fiducia e fermento, non soltanto negli utenti ma anche negli sviluppatori, e questo ha ripercussioni positive anche sulle questioni squisitamente finanziarie:

Ci aspettiamo nuove e significative informazioni riguardo nuovi prodotti e l'avanzamento nello sviluppo dell'ecosistema Apple, ovvero il "collante" che sostiene la sua accelerazione, nella nostra visione delle cose. [...] Riteniamo sia importante sottolineare il clima d'attesa che ha investito gli sviluppatori, tutti pronti a creare prodotti per le piattaforme Apple. In passato, un fermento simile è stato spesso un precursore dell'accelerazione nelle vendite di vari prodotti, e in particolar modo iPad ed iPhone.

E sui Mac le cose non dovrebbero andare peggio. A quanto pare, infatti, i rumors dei giorni scorsi sono piaciuti anche all'analista:

Crediamo che le innovazioni, il nuovo software, più opzioni per le NAND e prezzi più attraenti possano catalizzare le vendite, col potenziale raddoppiamento del coefficiente di successo sulle vendite di portatili nei prossimi trimestri fiscali.

Un balzo in avanti che tiene perfettamente conto della minaccia rappresentata da Microsoft col suo Windows 8, il primo vero OS di Redmond a competere direttamente con iPad. A dire di Reitzes, ciò fornirà un'ulteriore spinta al rinnovamento dell'ecosistema; anzi, Apple dovrà premere sull'acceleratore proprio per mantenere lo scarto maturato:

Per questa ragione, ci aspettiamo anche ulteriori informazioni circa Mac OS X Mountain Lion e il venturo iOS 6. Crediamo che l'attenzione sarà focalizzata sui software e i servizi, con importanti miglioramenti alle mappe, ad iCloud e a Siri, di cui si avvantaggeranno utenti e sviluppatori.

Alla luce di queste indicazioni, Barclays conferma il suo rating estremamente generoso, con un price target di ben 750 dollari per azione. A mo' di paragone, il valore attuale delle azioni Apple è fissato a 562,83 dollari, dopo il lieve ribasso della giornata di ieri.

  • shares
  • Mail