Un touchscreen più sottile per il nuovo iPhone

Il nuovo iPhone potrebbe adottare touchscreen più sottili grazie alla tecnologia in-cell o touch on lens

Parliamo di


Poco è cambiato dal punto di vista della tecnologia costruttiva dei touchscreen adottati dal primo iPhone, che vedete qui sopra, fino ai più recenti iPhone 4/4S, costituiti sempre da tre strati sovrapposti, il diplay LCD, il sottile foglio trasparente che funge da trasduttore capacitivo ed il vetro frontale.

In questi anni la tecnologia si è evoluta è le funzionalità del trasduttore capacitivo sono state inglobate direttamente nel display o nel vetro frontale, semplificando l’assemblaggio del dispositivo e riducendo lo spessore del display touchscreen.

Sharp e Toshiba Mobile Display hanno recentemente incrementato la produzione dei cosiddetti display touch in-cell e secondo alcune indiscrezioni avrebbero persuaso Apple ad adottare questa tecnologia nel nuovo iPhone.

I tradizionale fornitori di pannelli touch, Wintek e TPK holdings, per non perdere le sostanziose commesse Apple, avrebbero proposto a Cupertino una soluzione alternativa chiamata TOL (touch on lens), che prevede di inglobare il panello touch ed il vetro frontale in un unico componente, rendendo così più flessibile la produzione di dispositivi con display forniti da diversi produttori.

[via digitimes]

Ti potrebbe interessare
Service Pack 1 di Microsoft Office per Mac 2011 arriverà la prossima settimana
Software Apple

Service Pack 1 di Microsoft Office per Mac 2011 arriverà la prossima settimana

Microsoft ha confermato a The Loop che il Service Pack 1 per Microsoft Office per Mac 2011 sarà disponibile a partire dalla prossima settimana. L’aggiornamento includerà numerose miglioramenti delle prestazioni, della stabilità e della sicurezza della suite ed incorporerà anche modifiche maggiori in Outlook per Mac.L’aggiornamento attiverà la sincronizzazione fra Outlook e le funzioni Sync

LLVM, Clang e l’investimento sul futuro di Apple
iPhone

LLVM, Clang e l’investimento sul futuro di Apple

Si chiama LLVM ed è un’infrastruttura di nuova generazione per la compilazione dei programmi. Insieme al compilatore Clang sta facendo sensibili passi in avanti e avrà un ruolo sempre più importante nel futuro di Apple. Qualcuno ha definito LLVM e Clang la “punta di diamante” di Snow Leopard perché è con Mac OS X 10.6

Mac OS X 10.5.2 introdurrà la condivisione CD/DVD
iPhone

Mac OS X 10.5.2 introdurrà la condivisione CD/DVD

Si sa già che il MacBook Air ha installata una nuova build di Mac OS X 10.5.1, la fiammante 9B2324. Alcuni dettagli (cioè inedite versioni del software Airport, Bluetooth e Dock) potrebbero suggerire che la build sia di diretta derivazione dall’imminente 10.5.2. Inoltre, e come già detto, questa variante supporta la feature specifica introdotta da

Windows Xp installato su iMac Intel?
iPhone

Windows Xp installato su iMac Intel?

Vi ricordate la vecchia “taglia” con dei fondi raccolti online per installare Windows Xp su un Mac Intel? Bene, forse di tempo c’è n’è voluto ma pare che qualcuno ci sia finalmente riuscito, aggiudicandosi il premio da 12mila dollari. Finora l’unica prova vera e propria risiede in questa gallery di flickr piuttosto sfuocata, ma l’utente