iPhone 6s, addio al BendGate con l’Alluminio 7000 di Apple Watch

La prossima generazione di iPhone sarà la più resistente di tutte grazie alla lega d’alluminio utilizzata per Apple Watch Sport.

Parliamo di


Apple ha intenzione di mettere definitivamente una pietra sopra alle polemiche del BendGate con una mossa magistrale. La prossima generazione di iPhone erediterà la lega di Alluminio serie 7000 utilizzata in Apple Watch Sport. Grazie alla maggiore densità rispetto all’alluminio comune, scrive l’Economic Daily News, permetterà di raggiungere nuovi livelli di resistenza.

L’Alluminio 7000 consiste in una lega caratterizzata dal 60% di robustezza in più rispetto al comune alluminio, con un terzo della densità dell’acciaio inossidabile e l’estrema leggerezza che contraddistingue questo metallo. È lo stesso identico materiale utilizzato per la scocca dell’Apple Watch entry level, anche se in questo caso specifico c’è poi tutto un trattamento speciale per renderlo lucido e maggiormente resistente all’usura del tempo.

Riguardo il suo orologio, Apple scrive:

Per creare la collezione Apple Watch Sport siamo partiti dall’alluminio serie 7000, lo stesso usato per le biciclette da corsa, e lo abbiamo modificato per ottenere una nuova lega altrettanto leggera e persino più robusta: è il 60% più resistente dei principali tipi di alluminio e ha un terzo della densità dell’acciaio inossidabile. Il colore è brillante e luminoso, e la struttura è omogenea e priva di difetti o impurità. Dopo la lavorazione, ogni cassa viene lucidata e poi rifinita con granuli di zirconia per ottenere una satinatura uniforme. Infine, uno speciale processo di anodizzazione crea uno strato duro e trasparente che serve come protezione da graffi e corrosione

C’è da dire che Economic Daily News non sempre ci azzecca, ma d’altro canto Apple non sciupa mai le proprie risorse, e nella stragrande maggioranza dei casi riesce sempre a riciclare le tecnologie migliori su tutti i suoi prodotti. Pensate ai gesti multi-touch o al Force Touch; ciò crea enormi risparmi per la società e omogeneità sulla piattaforma Apple per noi utenti.

Ti potrebbe interessare
Surriscaldamento iPhone 3G: il primo caso italiano
iPhone 3G

Surriscaldamento iPhone 3G: il primo caso italiano

Dopo l’evento che aveva portato ad un principio d’incendio nell’autovettura di un ignaro utente olandese, è ora la volta del primo caso avvenuto in Italia di un iPhone 3G surriscaldatosi al punto di fondere.Se l’evento verrà confermato, l’aspetto più allarmante è probabilmente il fatto che tutto abbia avuto inizio da una banale conversazione telefonica. Il

Durian: il prossimo film open source del progetto Orange
iPhone

Durian: il prossimo film open source del progetto Orange

Chi segue il mondo dell’open source e dei contenuti distribuiti liberamente, conoscerà il progetto Orange, che mira alla pubblicazione di cortometraggi e videogiochi realizzati prevalentemente con software libero, rendendo disponibile ogni materiale creato (tra cui modelli 3D, textures, file audio, etc…).Il progetto non ha niente a che fare con l’omonima compagnia telefonica francese, ed è

Rogers cede sulla flat: 6 GB, 19 Euro al mese
iPhone

Rogers cede sulla flat: 6 GB, 19 Euro al mese

La telenovela canadese continua ma sembra concludersi con un lieto fine. Dopo i – doverosi – rimbrotti degli utenti sulle tariffe dedicate all’iPhone 3G, la raccolta di firme e il presunto embargo da parte di Apple, Rogers cede e concede una flat dati di tutto rispetto.La riconquista della clientela affranta passa infatti per un’offerta decisamente

Greenpeace: Vogliamo una mela ecologica
iPhone

Greenpeace: Vogliamo una mela ecologica

Vediamo in dettaglio quali sono i punti salienti della imponente campagna lanciata da Greenpeace per sensibilizzare Apple, a loro modo di vedere non sufficientemente impegnata sul fronte ecologico dei propri prodotti.