iPhone 6s, il nuovo Touch ID migliorerà il riconoscimento impronte

iPhone 6s integrerà un Touch ID perfezionato che ridurrà sensibilmente il tasso di errori della generazione attuale.

Parliamo di


Con iPhone 6s, Apple ha intenzione di lanciare la prossima generazione di Touch ID, che sarà molto precisa ed efficiente. Lo ha rivelato Ming-Chi Kuo di KGI Securities.

Secondo l’analista, il modulo Touch ID rinnovato ridurrà sensibilmente il tasso di errori, e renderà anche più sicure le transazioni Apple Pay:

Riteniamo che il nuovo iPhone, in arrivo nel terzo trimestre fiscale del 2015, sarà equipaggiato con un modulo Touch ID aggiornato, grazie al quale Apple intende offrire un’esperienza utente Apple Pay migliore e più sicura, caratterizzata da un numero inferiore di errori di lettura. Per questa ragione, vediamo al rialzo del 12,4% le consegne di moduli Touch ID per l’anno in corso, per un totale di 262 milioni di unità; l’aumento dipenderà da Apple Pay e dai nuovi modelli di iPhone.

Il nuovo Touch ID è anche più costoso e più complesso da produrre. A dire di Kuo, infatti, richiederà una “precisione superiore per il processo di saldatura laser del modulo.” I due produttori che si sono aggiudicati le commesse per la produzione dei sensori sono Sunnic e ASE, cui si aggiunge TSMC.

Infine, l’analista nega la possibilità che Apple riesca a incastonare il Touch ID nel display del telefonino, almeno nel prossimo futuro. Apple ha prima bisogno di una fornitura accettabile di vetro zaffiro per poter assicurare un’esperienza priva di graffi agli utenti, e dopo la bancarotta di GT l’obiettivo appare molto più lontano; inoltre, deve mettere a punto i complessi algoritmi che consentono di gestire questa tecnologia, e la strada è tutta in salito. Nonostante diversi brevetti sul un display in grado di riconoscere le impronte digitali, infatti, ci vorrà ancora parecchio tempo per giungere ad un prodotto finito.

Ti potrebbe interessare
Disponibile una nuova beta di Chrome per Mac
iPhone

Disponibile una nuova beta di Chrome per Mac

A distanza di un anno dalla controparte Windows, Google Chrome per Mac è stato finalmente rilasciato in beta, versione 4.0.249.30. Progettato dalle fondamenta per competere con i popolari Firefox e Safari, questa release garantisce velocità e stabilità, con qualche lacuna dal punto di vista delle feature.Allo stadio di sviluppo attuale, Chrome può agilmente importare i

iGraffiti: disegnare con iPhone ed iPod Touch
iPhone 3G iPod touch

iGraffiti: disegnare con iPhone ed iPod Touch

iGraffiti è un’applicazione sviluppata da Big Stone Phone per iPhone ed iPod Touch che permette di dipingere sulle foto archiviate nel dispositivo.La prima cosa da fare è caricare una fotografia o in alternativa scattarla direttamente dal software, dopodiché è possibile iniziare a disegnare sulla foto accentuando alcune linee o alcuni particolari.Gli strumenti a disposizione dell’utente

Ansia da Apple Store Status? Pingdom ha la soluzione.
iPhone

Ansia da Apple Store Status? Pingdom ha la soluzione.

Come tutta la community Mac sa bene, quando Apple Store risulta off-line, è molto probabile che al suo ripristino si troveranno esposti e pronti all’acquisto, nuovi interessanti prodotti. E tutti sappiamo quanto trepidante sia stata l’attesa per i nuovi Mac Book Pro usciti da pochi giorni.Beh, per tutti coloro che, sintonizzati sul Apple Store, nella

Una nuova scena da PodBrix
Software Apple Videogiochi

Una nuova scena da PodBrix

Come sottolinea giustamente Engadget, le rappresentazioni da collezione di PodBrix non finiscono mai di stupire. Questa volta è il turno di una riproduzione d’annata: Steve Jobs e Steve Wozniak, nei lontani anni ’70, con un Apple II.Come sempre si tratta di lavori fatti a mano, sfruttando i famosi mattoncini Lego e tanta fantasia. Questa piccola

Quel pasticciaccio brutto di PC World
iPhone

Quel pasticciaccio brutto di PC World

Forse qualcuno di voi avrà seguito nelle settimane scorse, su Wired, la vicenda di Harry McCracken, caporedattore di PC World che ha rassegnato le dimissioni per incomprensioni con i vertici della sua testata. Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando riassumiamo brevemente la vicenda.Il CEO di IDG (che pubblica PC World e Macworld), Colin

“Il Tipping Point di Apple”
iPhone

“Il Tipping Point di Apple”

Nixlog.com ha un articolo intitolato “Apple’s Tipping Poing: Macs for the masses” dove spiega che con l’ introduzione di iPod shuffle e Mac mini, che vanno a collocarsi in una fascia di prezzo raggiungibile a tutti ( 99 – 500 dollari ), Apple copre in termini di offerta al pubblico, l’ intero mercato.Nella cultura americana,