Gli operatori telefonici europei osteggiano la SIM Apple

La SIM Apple preinstallata negli iPad Air 2 venduti negli Stati Uniti non piace agli operatori telefonici europei

Parliamo di

Dopo anni di lavoro Apple è finalmente riuscita a realizzare un dispositivo in grado di connettersi a vari gestori telefonici senza la necessità di cambiare la SIM. La soluzione consiste in una speciale SIM preinstallata da Apple negli iPad Air 2 venduti negli Stati Uniti.

L’utente può così scegliere di volta in volta se attivare un piano dati con AT&T, Sprint o T-Mobile negli Stati Uniti oppure con l’operatore EE nel Regno Unito, a seconda delle tariffe più convenienti e della copertura della rete cellulare, operando la scelta direttamente da iOS.

Una soluzione molto comoda, che farebbe la gioia anche degli utenti europei, che appena varcano i confini nazionali si trovano a dover cambiare operatore e SIM per avere una tariffa vantaggiosa.

Purtroppo per noi, gli operatori telefonici europei non sembrano molto propensi ad adottare la soluzione Apple, come riportato dal Wall Street Journal.

Vodafone, il secondo operatore mondiale di telefonia dopo China Mobile, ha dichiarato che venderà gli iPad Air 2 solo con le proprie SIM, ma sta anche lavorando con l’industria e con la GSMA, l’associazione degli operatori mobili, per definire uno standard globale per l’interoperabilità delle SIM.

La compagnia francese Orange ha invece affermato che la SIM fisica è una componente fondamentale della propria rete cellulare, che permette di garantire una comunicazione sicura ai propri utenti.

La spagnola Telefonica prende tempo ed afferma che valuterà la soluzione di Apple nelle prossime settimane, mentre Tre e Deutsche Telekom non hanno rilasciato dichiarazioni al riguardo.

In realtà gli operatori telefonici osteggiano la soluzione di Apple, poiché preferiscono vincolare i clienti con contratti di lunga durata.

Ti potrebbe interessare
Joint Venture: Apple si appresta a fornire consulenza alle aziende
iPhone

Joint Venture: Apple si appresta a fornire consulenza alle aziende

Apple sta tentando di registrare un concept chiamato Joint Venture, come rivela il documento d’archivio. Una vittoria potrebbe conferire ad Apple diritti in ben quattro differenti International Classes. La prima, 035, riguarda “servizi di vendita al dettaglio con l’uso di computer, computer software, periferiche per computer, e dispositivi elettronici” mentre il 037 riguarda “manutenzione, installazione

iWork.com: la nostra prova su strada
Eventi Apple Software Apple Tutorial

iWork.com: la nostra prova su strada

Sembra che il lancio della beta pubblica di iWork.com stia passando in sordina in questo dopo-keynote. A mio parere il nuovo servizio on-line di Apple merita una maggiore visibilità ed è per questo motivo che ho deciso di testarlo per voi e di pubblicare questo resoconto dettagliato della mia prova che ho impostato come una

Aggiornamento per Office 2004 e 2008
iPhone

Aggiornamento per Office 2004 e 2008

Microsoft ha appena rilasciato degli aggiornamento per Office:Mac 2004 e Office:Mac 2008. Migliorano le prestazioni e la stabilità generali, ma soprattutto vengono corretti importanti problemi di sicurezza. Office per Mac 2004 giunge alla versione 11.5.3; a giudicare dalle note di rilascio, vengono principalmente migliorate la stabilità in apertura e chiusura di file per Word ed

Nuovi colori per iPod Nano?
iPod

Nuovi colori per iPod Nano?

Sono giorni di rumor su iPod, come ai vecchi tempi. Così dopo il post di riepilogo di poco fa, incentrato sul nuovo modello 6G, oggi si parla di iPod Nano. Il prodotto va benissimo, e le dimensioni contenute non sembrano lasciare spazio a grandi rivoluzioni software, per ora. Così è plausibile accettare il rumor di

SightSpeed: alternativa di qualità, e multipiattaforma, ad iChat
Software Apple

SightSpeed: alternativa di qualità, e multipiattaforma, ad iChat

Chat audio e video: un piacere con iChat, meglio ancora se avete un Mac con iSight integrata. Ma, come purtroppo sappiamo, non tutti hanno un Mac, e l’interoperabilità con Aol messenger lascia spesso a desiderare. Se proviamo a cercare soluzioni cross-platform possiamo guardare a Skype, ma dobbiamo accontentarci ancora della chat audio. Molto successo, invece,