iPhone 6, video-chiamate FaceTime all’avanguardia grazie al codec H.265

iPhone 6 e iPhone 6 Plus introducono un nuovo codec molto più efficiente che permette di ottenere video-chiamate FaceTime su reti mobili di altissima qualità, con ridotti consumi di banda.

Parliamo di


I nuovi telefoni di Cupertino fanno parlare di sé principalmente per il nuovo form factor da 4,7″ e 5,5″; una novità lungamente attesa (e sospirata dagli utenti) che ora si ritorce contro la mela sotto forma di sfottò da parte della concorrenza. Al di là di questo aspetto, tuttavia, esistono una miriade di altre piccole migliorie apportate alla chetichella che ora iniziano ad emergere. Per esempio, nessuno ci aveva detto che le chiamate FaceTime su iPhone 6 si vedranno nettamente meglio e che consumeranno la metà della banda.

Nuovo giorno, nuova spot anti-Apple di Samsung (che ha ragione da vendere). Stavolta, la vittima sacrificale sull’altare del marketing è iPhone 6 Plus.

Basta dare un’occhiata alla pagina delle specifiche tecniche di iPhone 6 per rendersi conto della cosa. L’ultima generazione di smartphone Apple supporta infatti il codec H.265 su rete cellulare. Questa complessa tecnologia, nota anche come High Efficiency Video Coding (HEVC), consente di ottenere una qualità video identica a H.264 AVC -il codec presente attualmente nei vostri iPhone e iPad- con la età del bit-rate. Ciò significa che con molta meno banda si ottiene maggiore dettaglio d’immagine durante le video-conferenze. Una manna dal cielo per gli utenti mobili, visto che la banda 3G e 4G si paga a peso d’oro.

Matthew Fleming, un esperto nel campo del processamento dei segnali digitali, ha dichiarato che “questa scelta fornisce potenzialmente ad Apple un serio vantaggio nelle chiamate video in mobilità, dove la banda è un premium.”

Al momento non è chiaro come sia stata implementato il tutto; ma poiché la feature è vincolata ai soli iPhone 6 e iPhone 6 Plus, è facile ipotizzare che nel nel chip A8 sia stato incastonato uno speciale encoder/decoder hardware. E se i Mac possiedono certamente la potenza d’elaborazione necessaria per gestire flussi H.265 via software, lo stesso non si può dire degli iPhone e degli iPad più datati; iPhone 6, in ogni caso, supporta anche col vecchio protocollo, quindi nessun problema di compatibilità.

Il codec H.265 è stato lanciato e approvato nel 2012 Motion Pictures Expert Group, ma a tutt’oggi non è ancora molto diffuso nell’elettronica di consumo; i Galaxy S4 ed S5 di Samsung, ad esempio, possiedono solo il supporto alla decodifica di tali flussi, ma non un encoder per registrarli nativamente. La scelta operata da Apple, tuttavia, cambierà presto questo scenario.

Leggi anche: Ecco perché iPhone 6 e iPhone 6 Plus non hanno un display in Vetro Zaffiro

Ti potrebbe interessare
iPad 4, anche le GPU dell’A6X raddoppiano le prestazioni
iPad

iPad 4, anche le GPU dell’A6X raddoppiano le prestazioni

I benchmark di Geekbench, che misurano solo la pura potenza di calcolo della CPU, hanno dimostrato come il nuovo processore Apple A6X del nuovo iPad Retina raggiunga prestazioni più che doppie rispetto al precedente processore Apple A5X.Non da meno sono le prestazioni delle quattro GPU PowerVR SGX 545MP4 inglobate nel SoC Apple A6X, che sulla

Nuovi iMac: Ive, Mansfield e Brodrick li presentano in un video
iMac Mac

Nuovi iMac: Ive, Mansfield e Brodrick li presentano in un video

I nuovi iMac presentati ieri hanno conquistato il cuore di molti, soprattutto il modello da 27″. Se a questo si aggiunge il video di presentazione disponibile su Apple.com nel quale vengono mostrate le principali novità, l’all-in-one di Cupertino farà “innamorare” anche i più dubbiosi.Tre i protagonisti del video: si comincia con Jonathan Ive, Senior Vice

Lunedì 21 luglio la conferenza sul Q3 fiscale di Apple
iPhone

Lunedì 21 luglio la conferenza sul Q3 fiscale di Apple

Come ogni anno di questo periodo, Apple annuncia la data ufficiale della conferenza riguardante i propri risultati fiscali relativi al terzo trimestre 2008. La conferenza si svolgerà lunedì prossimo 21 luglio alle 2 pm PDT (le 23 da noi in Italia).Apple offrirà copertura in streaming audio dell’evento direttamente da questo link. Per poter usufruire della

Il 2010 visto da Apple, nel 1988
iPhone

Il 2010 visto da Apple, nel 1988

1988. Internet non esisteva ancora, Windows non esisteva ancora, figuriamoci i tablet e le webcam. Ma Macintosh e Mac OS erano già una splendida realtà e Apple, in questo concept-video, ipotizzava quale sarebbe stato il futuro del mondo dell’informatica da lì a 22 anni, nel 2010.Sibillino, non trovate?