Apple Watch tutti i dettagli dello smartwatch della Mela

Apple Watch è il nome ufficiale del primo smartwatch della Mela, vediamo tutti i dettagli, le versioni, le date di uscita ed i prezzi

Parliamo di


Guarda la galleria: Evento Apple Settembre 2014

Tim Cook spiega che dietro l’idea dell’Apple Watch c’è un iPhone ridotto nelle dimensioni, ma non nelle funzionalità, c’è persino il pinch to zoom, ed in effetti il bordo cromato ricorda il primo iPhone.

Particolare attenzione è stato posta al design, semplice, ma nello stesso tempo elegante. Lo schermo è rettangolare ed il profilo leggermente curvo. Il vetro è in zaffiro ed è stondato sui lati. Solo due bottoni posti su uno dei lati, tra cui una rotella che se ruotata fa scorrere lo schermo, come se lo si stesse arrotolando o srotolando.

Sono stati realizzati da Apple 6 diversi tipi di cinturino facilmente sostituibili con un meccanismo a scorrimento che non richiede attrezzi. Si va dalla versione sportiva in materiale gommoso, ai cinturini in pelle, fino ad arrivare a veri e propri bracciali in acciaio, ma è anche stato creato una sorta di adattatore per montare i tradizionali cinturini dei comuni orologi da polso.

Sono state create tre edizioni dell’Apple Watch, la normale, la Sport e la Edition. La Sport ha una cassa in alluminio, la Edition ha una cassa placcata d’oro.

Kevin Lynch si occupa di spiegare le funzionalità dell’Apple Watch e la sua interfaccia grafica. La schermata home mostra tutte le app installate come una serie di piccole icone circolari, che possono essere zoomate tramite la rotella laterale per individuare quella desiderata.

Le app permettono di comandare o di ricevere notifiche, ad esempio è possibile controllare la riproduzione dei brani del proprio iPhone o del proprio impianto audio, oppure ricevere la notifica di un appuntamento del calendario, di un messaggio o di uno stato postato su un social network.

Una cosa simpatica è l’invio e la ricezione di emoticons che hanno un aspetto tridimensionale e sono animate.

Non potevano mancare i comandi vocali da impartire come si fa con Siri su iPhone, così come la galleria fotografica e le mappe, utilizzabili come su un iPhone con gesture di swipe e pinch to zoom.

Digital Touch è una modalità che mette in comunicazione direttamente con gli amici, è un sistema nuovo, che lavora con semplici touch e disegni che si possono inviare agli amici.

WatchKit è il kit di sviluppo che permette di creare applicazioni di terze parti, mette a disposizioni strumenti per fare notifiche, ma esistono addirittura funzionalità che permettono di aprire la porta dell’hotel.

L’Apple Watch è in grado di motivare chi lo indossa a fare attività fisica. Ci sono app specifiche e sensori per ottenere i risultati desiderati.

E’ dotato di un accelerometro e di un sensore che rileva i battiti cardiaci, inoltre interagisce con il GPS dell’iPhone per tenere traccia dell’attività svolta e indicare le calorie consumate, ma suggerisce anche quando è ora di interrompere le attività sedentarie e fare attività fisica.

L’Apple Watch può comandare la Apple TV, può comandare la fotocamera dell’iPhone o essere utilizzato come un walkie talkie. Per la ricarica della batteria viene fornito un apposito accessorio che si appoggia sul retro del dispositivo, senza necessità di contatti elettrici.

L’Apple Watch può funzionare solo abbinato ad un iPhone serie 5 o 6, perché è stato progettato per funzionare in modo indissolubile con lo smartphone della Mela del quale sfrutta la connettività ed il GPS.

Il prezzo dell’Apple Watch parte da 349 dollari e sarà disponibile da inizio 2015.

Ti potrebbe interessare
Apple ed il lunedì dell’AquiCogna
WWDC

Apple ed il lunedì dell’AquiCogna

Apple ed il lunedì dell’AquiCogna di Carlo Filippo FollisSono trascorsi pochi giorni da quel Lunedì 11 Giugno tanto atteso per le rivelazioni che, poi, si sarebbero fatte e non fatte. È stato certamente il giorno dell’AquiCogna, Quello della Apple Aquila rapace di soluzioni ed innovazioni tanto da diventare Cicogna di queste stesse. Sviluppatori e giornalisti

Steve Jobs: possibili le applicazioni di terze parti su iPhone
iPhone

Steve Jobs: possibili le applicazioni di terze parti su iPhone

Durante l’interessante intervista ad All Things Digital, di cui vi ha parlato Marcello in merito ai futuri aggiornamenti di Apple Tv, è emerso anche un dato interessante riguardante iPhone. Un membro del pubblico ha infatti chiesto a Steve Jobs se saranno mai disponibili applicazioni di terze parti per iPhone.La risposta, questa volta, è stata decisamente

iMac Edu, non per tutti
iMac iPhone

iMac Edu, non per tutti

E’ di pochi giorni fa la notizia del lancio di un iMac in configurazione pensata esclusivamente per il mercato educational. Caratterizzato da un prezzo aggressivo (959€) sarebbe stato l’ideale per gli studenti (notoriamente squattrinati…).Apple però ha deciso di dedicare questa versione alle sole istituzioni (scuole, università, istituti, ecc.) e l’iMac “Edu” non è ordinabile dai

Mini Toilet
iPhone Mac Mini

Mini Toilet

Volete buttare 500 euro nel…gabinetto? Fatelo con stile.Mini Toilet è in assoluto il peggior modo di utilizzare un fantastico Mac mini.Chi ha realizzato lo scempio garantisce che il piccolo di casa Apple non è stato danneggiato e che, per par condicio, farà lo stesso con l’Xbox 360 della Microsoft. Contento lui…