iWatch: il New York Times ribatte ricarica wireless e display flessibile

L’ora dell’iWatch sta per scoccare, dopo le indiscrezioni del Wall Street Journal arrivano ulteriori dettagli dal New York Times

Parliamo di

Ormai è praticamente certo che nell’evento del 9 settembre Apple presenterà il cosiddetto iWatch, il primo dispositivo indossabile della Mela, dato che nelle ultime ore non sono giunte smentite, anzi i maggiori quotidiani americani stanno facendo a gara per rivelare in anticipo alcuni dettagli e far crescere la curiosità anche nei più distratti.

Dopo le indiscrezioni dell’autorevole Wall Street Journal, che in passato ha dimostrato di avere notizie di prima mano dai vertici di Cupertino, anche il New York Times rivela alcuni dettagli dell’iWatch.

L’iWatch dispone di un display flessibile che è protetto da una copertura in zaffiro, un tipo di vetro più duro, ci hanno detto. Il circuito del dispositivo, che include i sensori e chip, è stato descritto come molto piccolo, delle dimensioni di un francobollo.
Per ricaricare la batteria, lo smartwatch si baserà su un metodo di ricarica senza fili. Apple aveva ad un certo punto testato la ricarica solare per l’orologio, ma l’esperimento è fallito.

Molti smartwatch presentati in questi giorni all’IFA di Berlino utilizzano un’apposita base con dei contatti per ricaricare la batteria, il motivo è che una classica porta micro-USB non sarebbe impermeabile, per cui questi dispositivi hanno una serie di contatti esterni.

A quanto pare Apple ha preferito una soluzione più raffinata per dare la carica all’iWatch, un sistema senza fili che si basa sull’accoppiamento induttivo, che però richiede comunque un’apposita base sulla quale appoggiare l’iWatch.

Il display OLED flessibile con vetro in zaffiro invece farebbe propendere per una forma squadrata dell’iWatch, come quella dell’Asus ZenWatch, piuttosto che la classica forma circolare degli orologi a lancette, come nell’LG G Watch R.

Chissà però che Apple non ci stupisca con un iWatch completamente flessibile, come il concept mostrato nell’immagine qui sopra, che in qualche modo riprende il concept Nokia 888 di 6 anni fa. D’altra parte un brevetto di Apple mostrava proprio un cinturino flessibile composto da tante piccole batterie, l’unico modo per ottenere un’autonomia di alcuni giorni in un dispositivo così piccolo.

Ti potrebbe interessare
iPhone 3GS: disponibili le prime applicazioni che sfruttano il magnetometro
iPhone 3GS

iPhone 3GS: disponibili le prime applicazioni che sfruttano il magnetometro

Su App Store hanno fatto capolino le prime applicazioni in grado di sfruttare il magnetometro del nuovo iPhone 3GS. Le applicazioni di questo dispositivo vanno oltre la semplice bussola digitale, già integrata in iPhone OS 3.0.La più interessante, per ora, è senz’altro Magnetism, disponibile a 0,79 Euro, che rileva i campi magnetici che ci circondano:

Su Adium arriveranno audio e video, anche per Msn
Software Apple

Su Adium arriveranno audio e video, anche per Msn

Adium supporterà la chat audio-video. Questa è la notizia che attendevano tutti i detrattori del messenger multiprotocollo per Mac, ed è stata data proprio nel giorno del lancio di Leopard. Oggi, però, sono arrivati i dettagli più succosi. Adium proverà a supportare la videoconferenza su tutti i protocolli più diffusi, compresi Msn, Yahoo!, Aim e

La nostalgia dei compleanni
iPhone

La nostalgia dei compleanni

Il Macintosh ha compiuto 21 anni ieri ed è diventato adulto. Come regalo di compleanno un sito tedesco ha pubblicato i video dell’annuncio originale di Steve Jobs. Jason Kottke ha riportato la notizia riordinando un po’ il testo e i link.Potrete vedere le prime versioni di MacPaint e MacWrite e sentire il primo Mac parlare,