I pagamenti mobili saranno il “cavallo di battaglia” di iPhone 6

La prossima generazione di iPhone in arrivo tra pochi giorni dovrebbe far sfoggio di sofisticate funzionalità dedicate ai pagamenti mobili. Il chip NFC oramai è dato per scontato.

Parliamo di


Praticamente è cosa fatta. Secondo le fonti di Wired, l’elemento caratterizzante la prossima generazione di iPhone saranno i pagamenti in mobilità. E illustri conferme arrivano anche dalla blogosfera Apple-centrica.

Leggi anche: iPhone 6, ulteriori conferme del NFC sui modelli da 4,7″ e 5,5″

Il sito non spiega come è stata sviluppata e implementata la funzionalità, ma conferma esplicitamente che la tecnologia near field communications (NFC) farà parte del sistema:

Il prossimo iPhone proporrà una sua piattaforma di pagamento, ci dicono le fonti vicine ai piani. Infatti, questa piattaforma costituirà il cavallo di battaglia di tutte le feature del dispositivo, quando sarà svelato il prossimo 9 settembre. Ci è stato riferito che la soluzione avrà a che vedere con NFC.

Nel mentre, anche John Paczkowski di Re/code ha confermato di “aver sentito le medesime cose,” mentre John Gruber si diletta a giocare alla Sibilla Cumana:

Ultimamente ho lavorato ad un nuovo scherzo che riguarda l’NFC e una nuova area sicura in cui conservare i dati della carta di credito, da usare per comprare i beni nei negozi fisici estraendo semplicemente l’iPhone, ma solo quelli nuovi. Nessuno però sembra aver compreso il mio senso dell’umorismo.

In altre parole, il giornalista sta affermando che una nuova Secure Enclave, simile a quella usata per conservare i dati delle impronte digitali provenienti dal Touch ID, sarà implementata all’interno del chip A8 di iPhone 6; lì verranno conservati i dettagli della carta di credito, che potremo usare per pagare beni e servizi. E meno male che, per voce di Phil Schiller in persona, NFC era la “soluzione sbagliata che non risolve alcun problema.”

Approfondisci: iOS e pagamenti in mobilità, PayPal esplora l’integrazione del Touch ID nelle app mobili

Ti potrebbe interessare
Amazon acquisisce Evi, l’anti-Siri per Kindle Fire
iPhone

Amazon acquisisce Evi, l’anti-Siri per Kindle Fire

Se i rumors in circolazione sul Web dicono il vero, Amazon avrebbe acquisito ‘Evi’ per 26 milioni di Dollari. Si tratta di una piattaforma di ricerca basata su linguaggio naturale che ha molto in comune con Siri, probabilmente anche troppo.

Ecco le funzionalità dall’attesissimo iCloud
Eventi Apple

Ecco le funzionalità dall’attesissimo iCloud

E’ Steve Jobs stesso che spiega il problema che incontrano gli utenti. Cercare i media, convertirli, metterli nella libreria e procedere alla sincronizzazione via cavo ad ogni cambiamento è qualcosa che ha funzionato negli ultimi 10 anni ma “tenere tutto sincronizzato ci ha fatto diventare pazzi”. Ma la buona novella è che con iCloud tutto

Apple compie 33 anni
iPhone

Apple compie 33 anni

Esattamente 33 anni fa, il 1° aprile 1976, Steve Jobs, Steve Wozniak e Ronald Wayne fondavano a Cupertino una società chiamata Apple, che vendeva kit per la costruzione casalinga del computer Apple I.Allora Apple contava – compresi i 3 fondatori – 3 dipendenti e il fatturato nel primo anno di esercizio si attestò sui 25

Black Friday: fino al 15% di sconto?
Apple Store

Black Friday: fino al 15% di sconto?

Gli sconti per il già annunciato Black Friday di Apple previsto per domani sull’Apple Store potrebbero essere più consistenti di quelli dello scorso anno: se fino alla precedente edizione le offerte consistevano in uno sconto compreso tra il 5 e 10% sul prezzo originale, quest’anno Apple potrebbe rendere il suo “venerdì nero” ancora più appetibile

Nuovi MacBook Pro in arrivo domani 19 Febbraio?
MacBook Pro

Nuovi MacBook Pro in arrivo domani 19 Febbraio?

Dalla conclusione del proprio keynote ad oggi, sembra proprio che Steve Jobs abbia mantenuto la parola: tante novità nel 2008 che Apple (storicamente) ritiene opportuno presentare al martedì, a suo giudizio il giorno della settimana più “adatto” al lancio commerciale di nuovi prodotti. I più attesi, senza ombra di dubbio, sono i nuovi MacBook Pro