TSMC gioca d’anticipo: è già pronta col chip A9 a 16nm di iPhone 6s

TSMC si porta avanti col lavoro, e ha già preparato gli impianti che serviranno alla produzione del chip A9 destinato agli iPhone del 2015.

Parliamo di


Nel tentativo di strappare le commesse a Samsung, TSMC si è messa a giocare d’anticipo. E ora, i suoi impianti sono già pronti per la produzione dei chip A9 destinati alle future generazioni di iPhone in arrivo l’anno prossimo. Lo rivela un interessante articolo del quotidiano economico taiwanese Economic Daily News.

Leggi anche: Apple torna con la coda fra le gambe da Samsung per produrre la RAM di iPhone 6

Secondo le fonti del giornale, Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC), il partner asiatico d’elezione di Cupertino, sta lavorando duramente per adeguare le propri fornaci alla produzione dei chip di nuova generazione costruiti con processo a 16 nanometri e destinati a quello che potremmo già ora ribattezzare iPhone 6s. L’avvio della produzione di massa è fissato per il Q1 2015, con un anticipo di diversi mesi rispetto alla tabella di marcia prevista: formalmente, se ne sarebbe dovuto riparlare almeno nel Q2 2015.

Con l’adeguamento ai 16 nanometri, gli impianti saranno complessivamente capaci di sfornare circa 50.000 wafer al mese, il che piazzerebbe TSMC in una posizione di indubbio vantaggio perfino su Samsung. L’anno scorso si vociferava che GlobalFoundries e TSMC avrebbero dato manforte nella produzione di chip A9 nel 2015, ma il grosso -con oltre il 40% delle commesse- sarebbe comunque finito nelle mani della sudcoreana. Con simili capacità, tuttavia, non ci sorprenderebbe se nel giro di un anno le proporzioni si ribaltassero, magari coinvolgendo colossi del calibro di Intel. Al che, a Samsung resterebbero solo le briciole.

Leggi su Mobileblog: Apple e Samsung, l’87% dei guadagni mondiali è loro: ecco tutti i dati

Ti potrebbe interessare
Un terzo degli utenti iPad non scarica applicazioni
App Store Applicazioni iPad

Un terzo degli utenti iPad non scarica applicazioni

Una grande fetta di utenti iPad, il 32%, pare non scarichino alcuna applicazione da App Store. A rivelarlo è uno studio specifico di Nielsen Company. Il dato emerge da un’indagine risalente ad agosto eseguita su più di 5.000 possessori di dispositivi wireless.Rimanendo tra gli utenti iPad, solo il 63% hanno pagato per l’installazione di almeno

Nuovo Logic Studio con Logic Pro 9, MainStage 2 e Soundtrack Pro 3
Software Apple

Nuovo Logic Studio con Logic Pro 9, MainStage 2 e Soundtrack Pro 3

Aggiornamento anche per la suite di applicazioni professionali dedicate all’ambito musicale Logic Studio. Oltre a Logic Pro 9 e alla nuova versione di MainStage che insieme contano 200 nuove funzionalità dedicate alla semplificazione di alcuni processi, Logic Studio porta con sè anche Amp Designer, Pedalboard, FlexTime e la nuova versione di Soundtrack Pro 3.Tra le

WebKit: nascono mailing list e spazio per segnalare bug di sicurezza
Safari

WebKit: nascono mailing list e spazio per segnalare bug di sicurezza

Nella giornata di ieri, i ragazzi di WebKit.org hanno lanciato la mailing list ufficiale per le comunicazioni relative allo sviluppo, in termini di sicurezza, del celebre motore di Safari (ma utilizzato anche in altre applicazioni). Oltre questo, è stato creato un apposito bug tracker, ovvero uno spazio in cui sviluppatori e addetti ai lavori potranno

Interrotto il download di Boot Camp
Software Apple

Interrotto il download di Boot Camp

Con alcuni giorni di anticipo rispetto alla commercializzazione di Leopard, Apple ha sospeso la distribuzione online di BootCamp, il famoso software che permette l’utilizzo di sistemi operativi alieni a Mac OS X attraverso un re-boot della macchina.Per chi dispone di Boot Camp sotto l’attuale Mac OS X Tiger e non è intenzionato a passare a

Alla scoperta di Leopard: Desktop
iPhone

Alla scoperta di Leopard: Desktop

Con questo post vorrei inaugurare una serie di topic che vi guideranno alla scoperta delle nuove feature di Leopard. Tra le nuove feature di Leopard, una delle più importanti è sicuramente in nuovo Desktop. Le nuove modifiche non saranno volte solo al miglioramento dell’usabilità di Mac, ma modificheranno proprio quella che è la prima fase