iPhone 6, ecco le specifiche complete secondo KDB Daewoo

Un analista di KDB Daewoo Securities Research ha pubblicato quelle che dovrebbero essere le specifiche complete e definitive di iPhone 6, ma qualcosa non torna.

Parliamo di

Una nota agli investitori pubblicata dalla KDB Daewoo Securities Research (qui in formato PDF) e ripresa da OLED-Display.net rivela quelle che dovrebbero essere le specifiche complete e definitive di iPhone 6. Ma l’impressione è che ci sia qualcosa che non torna.

Stando a quel che si legge, la prossima generazione di telefoni Apple sarà disponibile in due taglie, vale a dire con display da 4,7-4,8 pollici e un’altra da 5,5 pollici. E fin qui, niente di veramente nuovo. I due pannelli avranno una risoluzione rispettivamente di 1.920 x 1.080 pixel a 440 ppi e 2.272 x 1.280 pixel a 510 ppi, entrambi caratterizzati da tecnologia IGZO in luogo dell’LTPS usata negli smartphone presenti attualmente a catalogo.

Ciò rappresenterebbe una decisione poco plausibile, visto che LTPS offre una maggiore mobilità elettronica rispetto ad IGZO, e quindi un’efficienza superiore. In altre parole, il motivo per cui IGZO guadagna terreno sui tablet e sugli smartphone più ampi è solo per via delle difficoltà e dei costi legati alla produzione dei pannelli LTPS, che resta comunque la tecnologia di riferimento per i dispositivi high-end. Tutto può essere, per carità, ma il salto appare poco probabile.

Quanto al resto, iPhone 6 dovrebbe avere 2 GB di RAM (contro il singolo GB attuale), un nuovo chip A8, un’inedita opzione di storage a 128GB e una fotocamera frontale aggiornata da 3.2 Megapixel; quella posteriore, invece, resta a 8 Megapixel, visto che beneficerà di migliorie sul fronte dell’ottica.

A dire dell’analista, iPhone 6 sarà lanciato con iOS 7.2, ma anche questo punto appare un filo contraddittorio con quel che sappiamo finora. Storicamente, ogni nuovo iPhone è accompagnato da una Major Release di iOS, senza contare che mentre iOS 8 è già stato avvistato sui weblog dei siti Apple-centrici, di iOS 7.2 non si ha notizia.

La finestra prevista per il lancio di prodotto è indicata tra il secondo e il terzo trimestre fiscale dell’anno, cioè entro settembre così com’era ai tempi dei primi iPhone. È una possibilità di cui di discute da tempo, ma su cui non si hanno ancora riscontri in catena di montaggio. Insomma, i dubbi sono davvero tanti.

Ti potrebbe interessare
Anche Firefox dice addio a Adobe Flash
iPhone

Anche Firefox dice addio a Adobe Flash

Se è vero che HTML5 non può tecnicamente coprire tutte le aree in cui viene attualmente utilizzato Flash, è vero pure che verso il plugin di Adobe si registra uno scontento che va ben oltre la manifesta antipatia di Cupertino. Dopo la predisposizione di Google a riguardo e l’improvvisa virata di Microsoft, infatti, ora è

Video Flash ottimizzati su Mac: cui prodest?
iPhone

Video Flash ottimizzati su Mac: cui prodest?

Mentre il battibecco tra Apple e Adobe proseguiva ad alti livelli e sui media c’era chi lavorava per migliorare le performance di Flash sui Macintosh. Ma gli sforzi fatti sono rivolti a un’utenza ristretta e corrono il rischio concreto di arrivare in ritardo.Verso la fine di aprile Apple ha pubblicato la nota tecnica 2267 che

Fortune: Steve Jobs è l’uomo d’affari più potente del 2007
iPhone

Fortune: Steve Jobs è l’uomo d’affari più potente del 2007

Quando ci si avvicina alla fine dell’anno ci sono 2 appuntamenti immancabili: gli eventi salienti dell’anno appena trascorso e le classifiche delle persone, nell’ordine, più belle, più ricche e più influenti.Comprensibilmente ci occupiamo solo dell’ultimissima categoria, dato che la rivista Fortune ha stilato la lista degli uomini d’affari più influenti dell’anno. Al primo posto troviamo

Office per Mac: arriva l’update dell’update
Software Apple

Office per Mac: arriva l’update dell’update

Finalmente Microsoft ha rilasciato un nuovo aggiornamento di sicurezza per Office. Questo aggiornamento dovrebbe cancellare l’aggiornamento “fantasma” apparso sul sito di Microsoft qualche giorno fa. Per qualche ora, infatti, era stato pubblicato sul sito di Office:Mac un aggiornamento non testato, ritirato poi di tutta fretta.Oltre a risolvere alcuni bug di PowerPoint ed Entourage, quindi, il