Accordo Liquidmetal: lo stato dell'arte nella produzione industriale


Stando all'opinione degli addetti ai lavori, l'accordo d'esclusiva che Apple ha siglato con Liquidmetal deriva principalmente dall'assoluta eccellenza di questa società nel suo campo, cosa che renderà possibili design sempre più sofisticati e all'avanguardia.

Il prototipo di macchinario produttivo messo a punto da Liquidmetal Technologies e attualmente dislocato in un impianto in Corea è considerato dagli esperti lo stato dell'arte delle tecnologie MIM (Metal Injection Molding), e costituisce ad oggi l'impianto più sofisticato mai progettato fin'ora. Tra le possibilità del congegno c'è ad esempio la creazione di nuove e più avanzate antenne per iPhone, oppure di loghi olografici impressi direttamente nel metallo, ed è solo l'inizio. Parliamo di una tecnologia che, secondo la NASA, sta per "ridefinire la scienza dei materiali come la conosciamo" e che in mano ad Apple potrebbe produrre design davvero innovativi ed interessanti.

In effetti, i pregi di questa tecnica di produzione sono parecchi e riguardano tanto l'industria aerospaziale quanto quella medicale e tessile o persino ottica. Con un ampia scelta di materiali, essa garantisce altissima precisione e l'eliminazione totale delle lavorazioni meccaniche anche per le forme più complesse, con in più la solidità che deriva dall'alta densità del materiale e una bassa rugosità. E se a questo aggiungiamo l'enorme risparmio in termini di costi e tempi, ecco che la scelta di Cupertino appare quanto mai ragionata e opportuna.

Tra i propugnatori dell'acquisizione si vocifera la presenza di Jonathan Ive, il responsabile del team di Industrial Design a Cupertino, perennemente alla ricerca di nuovi materiali e tecniche di produzione. Dice di lui Drew Merkel, un esperto nel settore:

Jonny Ive è probabilmente il più accanito sostenitore del concetto Liquidmetal. Apple deve credere in questa tecnologia perché la società ha traballato un po' negli anni. Continuano a finanziare e rifinanziare, e talvolta non sono stati in grado di pagare gli stipendi. La società è stata in passivo per anni. Questo mostra l'importanza fondamentale di questo accordo, se nonostante tutto Apple decide di investirci su.

Peccato soltanto che, per ora, né Apple né Liquidmetal abbiamo rilasciato commenti ufficiali a riguardo.

  • shares
  • Mail
68 commenti Aggiorna
Ordina: