iPhone 5s, la produzione soddisfa il 90% della domanda

La produzione di iPhone 5s va sempre meglio, e questo spiega per quale ragione la produzione soddisfa finalmente il 90% della domanda.

Parliamo di

Gene Munster di Piper Jaffray afferma che a produzione di iPhone 5s abbia oramai saturato almeno il 90% degli Apple Store statunitensi, il che significa che siamo praticamente al punto di pareggio tra domanda e offerta. E questo spiega anche la contrazione dei tempi di consegna quando si effettua un ordine online.

E gran parte del merito va a Foxconn, il partner asiatico più importante per Cupertino; nelle fabbriche, oramai, si sferraglia a pieno regime e le cose vanno talmente bene che per aumentare ulteriormente la produzione di massa si sta procedendo a massicci cicli di assunzioni. Lo racconta il Wall Street Journal in un recente articolo:

Il produttore taiwanese, per cui lavorano oltre 1 milione di operai solo in Cina, ha aperto in tempo record 100 linee di produzione a Zhengzhou, nel Nord della Cina centrale, a piena capacità, secondo i dirigenti di Hon Hai. La società dispone di circa 300.000 lavoratori nel sito di Zhengzhou, dedicato principalmente all’iPhone 5s e ai componenti chiave come i case metallici.
Per dare un’idea di quanto sia complicato produrre un iPhone 5s, i dirigenti Hon Hai hanno affermato che la società impiega circa 600 lavoratori per ogni linea di assemblaggio dell’iPhone 5s.
“Stiamo sfornando circa 500.000 iPhone 5s ogni giorni, il nostro output giornaliero più alto di sempre,” ha affermato un dirigente.

E se non fosse chiaro, stiamo parlando di 6 iPhone 5s al secondo.Per crearne uno, tuttavia, non solo serve più manodopera, ma anche più tempo; tant’è che l’iPhone 5 e il 5c richiedono 500 dipendenti per linea produttiva.

E visto che i clienti preferiscono i telefoni di fascia alta a quelli intermedi, Apple è stata costretta a convertire gli impianti di Zhengzhou per passare alla produzione a tempo pieno di iPhone 5s. Attualmente, però, solo negli Stati Uniti si registrano consegne nell’ordine di 3-5 giorni lavorativi; la localizzazione italiana dell’Apple Store segnala ancora 1-2 settimane di attesa.

Ti potrebbe interessare
Apple acquista il dominio iCloud per 4.5 milioni di dollari ?
iTunes Store

Apple acquista il dominio iCloud per 4.5 milioni di dollari ?

Secondo un’indiscrezione raccolta da GigaOM Apple avrebbe acquistato per 4.5 milioni di dollari il dominio iCloud, rilevandolo da Xcerion che a sua volta avrebbe rinominato il proprio servizio in CloudMe.Cercando di accedere al dominio icloud.com si viene infatti rediretti verso il dominio cloudme.com dove festosamente vengono accolti gli utenti con tanto di stelle filanti e

Adeguamento VAT per l’Apple Store Online inglese
Apple Store

Adeguamento VAT per l’Apple Store Online inglese

Gli Apple Store occidentali più grandi sono stati chiusi per poche ore. Dopo la riapertura si è scoperto che l’unico store ad aver subito una modifica al listino è stato quello del Regno Unito. In particolare i prezzi dei prodotti sono lievemente aumentati dal momento che oggi l’aliquota VAT (il corrispettivo della nostra IVA) passa

Un brevetto Apple dedicato agli sportivi
iPhone

Un brevetto Apple dedicato agli sportivi

Apple interessata agli sport estremi? Se fosse l’inizio di aprile potremmo archiviare la notizia sotto la voce “pesce”, ma essendo orami l’estate alle porte tocca di prendere seriamente questo nuovo brevetto depositato da Cupertino e scovato da AppleInsider.Il documento parte puntualizzando il ben noto amore degli sciatori per la velocità ed i salti: la grandezza

Shortcut di Mac Os su Windows
iPhone

Shortcut di Mac Os su Windows

Ci sono diversi Switch. Noi conosciamo chi fa switch da Windows a Mac Os, eppure io ogni giorno, per lavoro, devo fare un piccolo switch inverso, lavorando su Windows. E chi usa Boot Camp o Parallels? Peggio ancora, il passaggio può essere continuo.Non c’è niente di male, ovviamente, ma c’è qualche scomodità. Non vi dico

Icone Mail.app, se preferite l’open source
Software Apple

Icone Mail.app, se preferite l’open source

Qualche giorno fa vi ho presentato un tutorial per la realizzazione delle icone di Mail.app in Photoshop. Ora scopro che, proprio leggendo Melablog, KesieV ha creato un tutorial alternativo, che al posto di Photoshop usa l’open source Gimp. Ve lo linko molto volentieri, e non a sproposito. Perchè, per chi non lo sapesse, esistono diverse