iPhone 6 o iPhone Air nel futuro di Apple?

Il prossimo iPhone potrebbe avere un aspetto simile a quello dell’iPad Air

Parliamo di


Ora che i nuovi iPhone 5s e iPhone 5c sono tra noi, senza per altro averci stupito più di tanto per la spiccata somiglianza con l’iPhone 5, l’attenzione dei designer è tutta rivolta verso il prossimo iPhone 6.

Apple ci ha abituato a sfornare un iPhone completamente nuovo ogni due anni, per cui è lecito supporre che il prossimo iPhone 6 avrà un design diverso dall’attuale iPhone 5s, tuttavia non è facile immaginare il possibile aspetto.

Secondo alcune indiscrezioni il prossimo iPhone 6 avrà un display più ampio da circa 4.8 pollici, cosa che contribuirà ad aumentarne le dimensioni, ma non lo spessore complessivo. Le batterie ad esempio potrebbero beneficiare della maggior superficie a disposizione riducendo quindi lo spessore, in modo da conferire all’iPhone 6 un design più sottile e snello rispetto all’iPhone 5s.

A quanto pare il nuovo iPad Air ha impressionato favorevolmente i designer che si sono ispirati al sottilissimo tablet della Mela per realizzare alcuni rendering del possibile aspetto del futuro iPhone 6.

Federico Ciccarese ha immaginato un iPhone Air, con tanto di tasto home con sensore di impronte digitali Touch ID, mentre Martin Hajek ha rimosso del tutto il tasto home nella sua personale interpretazione del prossimo iPhone 6, come visibile nella galleria fotografica che trovate qui sotto.

Guarda la galleria: iPhone 6 iPhone Air

Ti potrebbe interessare
In arrivo una flat “musicale” da Apple?
iPhone

In arrivo una flat “musicale” da Apple?

Secondo quanto si legge sul Financial Times, sembra che Apple sia in trattative con le grandi etichette per ottenere una sorta di flat sulla musica che consenta ai propri utenti di accedere all’intero catalogo di iTunes in cambio di un sovrapprezzo applicato su ogni iPod Touch ed iPhone.Attualmente le divergenze maggiori pare riguardano il prezzo

Apple TV: vendite al di sotto delle attese?
iPhone

Apple TV: vendite al di sotto delle attese?

Apple TV, il multimedia center secondo Cupertino, è un prodotto che non ci ha mai convinto del tutto. Il design è certo azzeccato, forse anche le potenzialità ed il prezzo, ma la mancanza di servizi integrati (come iTunes Store) fuori dagli USA e le limitazioni sui formati compatibili ci sono sembrati, fin da subito, punti

Rettifica: iPhone non invia il codice IMEI ad Apple
iPhone

Rettifica: iPhone non invia il codice IMEI ad Apple

L’allarmante notizia, pubblicata ieri, sul presunto invio del codice IMEI (identificativo di ogni dispositivo mobile) tramite iPhone, si è rivelata (fortunatamente) infondata: a dirlo per primi i ragazzi del sito tedesco Heise, i quali hanno asserito che effettivamente le applicazioni Weather e Stocks inviano un codice IMEI, ma non quello identificativo del dispositivo, bensì un

Nuovi XServe all’orizzonte?
iPhone

Nuovi XServe all’orizzonte?

I ragazzi di TUAW si sono accorti di una curiosa immagine nella pagina relativa alle funzioni del nuovo Leopard Server: se si presta attenzione, si nota che è stato pubblicato uno screenshot il quale mostra una configurazione server composta da 2 processori dual-core Intel Xeon da 2.7Ghz, la quale, però, non è in vendita presso

Presto arriverà iLife ’07? Leopard solamente in primavera?
iPhone

Presto arriverà iLife ’07? Leopard solamente in primavera?

L’ultimo trimestre del 2006 ha rappresentato per Apple un risultato sensazionale: ben 1 miliardo di ricavi, cifra record per quelli di Cupertino. Proprio durante la presentazione dei dati fiscali tenuta da Peter Oppenheimer, Chief Financial Officer di Cupertino, sono trapelate informazioni riguardanti Leopard e iLife ’07. Le indiscrezioni sul rilascio dei nuovi software marchiati Apple

Shake 4.1: solo 499€. Ma siamo all’ultimo atto?
Software Apple

Shake 4.1: solo 499€. Ma siamo all’ultimo atto?

Apple ha rilasciato la versione 4.1, ora in linguaggio Universal, del suo software di compositing Shake. Oltre alla compatibilità con i Mac Intel, la vera grande novità sta nel prezzo, letteralmente crollato. Se prima l’applicazione costava 2499€, ora ne costa solo 499, rendendosi una soluzione alla portata anche dei produttori indie. Il software di cui