iPhone 5s il Touch ID riconosce anche altre parti del corpo

Anche un capezzolo sul tasto home può sbloccare un iPhone 5s

Parliamo di

Quando nel 2011 Apple presentò il nuovo iPhone 4S con l’assistente vocale Siri, i primi acquirenti si cimentarono subito in dialoghi improbabili con il loro iPhone, scoprendo anche esilaranti risposte.

Il fenomeno sembra ripetersi con il nuovo iPhone 5s, complice l’introduzione del sensore di impronte digitali posto sotto il tasto home, che ha scatenato la fantasia di molti utenti, alla ricerca di modi alternativi per sbloccare l’iPhone.

Il cosiddetto Touch ID necessita di una fase di apprendimento per riconoscere l’impronta digitale del proprietario, che consiste in una lunga serie di tocchi che devono essere ripetuti seguendo le istruzioni sullo schermo. Al termine della procedura guidata sarà poi possibile utilizzare il Touch ID per sbloccare l’iPhone 5s o per accedere ad iTunes, a iBooks e all’App Store.

Dopo aver provato con tutte le dita della mano ed aver constatato che il meccanismo funziona senza problemi, alcuni utenti sono passati alle dita dei piedi, mentre altri hanno preferito provare con la punta del naso, ottenendo sempre un ottimo funzionamento del Touch ID.

Qualcuno si è spinto più in la ed ha provato a vedere se anche parti del corpo più nascoste potessero funzionare altrettanto bene.

Il video che vi mostriamo qui sopra dimostra che anche un capezzolo può essere riconosciuto dal Touch ID di un iPhone 5s adeguatamente addestrato, segno che non ci sono limiti alla fantasia, anche se poi può risultare piuttosto scomodo sbloccare l’iPhone 5s con certe parti del corpo dove non batte mai il sole.

Ti potrebbe interessare
Samsung porta i processori ARM oltre 1Ghz
iPhone

Samsung porta i processori ARM oltre 1Ghz

Samsung ha oggi svelato un nuovo processore ARM che potrebbe mostrare la direzione dei futuri smartphone. Nome in codice Hummingbird, progettato utilizzando la stessa architettura Cortex-A8 del iPhone 3GS ma con clock di 1GHz, significativamente più grande dei vecchi 833MHz massimi. Il nuovo dispositivo beneficia di una dimensione ridotta, più efficienza energetica, processo a 45

10 Novembre: aggiornamento per iMac e Mac mini?
iMac Mac Mac Mini

10 Novembre: aggiornamento per iMac e Mac mini?

Un aggiornamento anticipato di iMac e Mac mini potrebbe essere operato già nella prossima settimana, stando a quanto sostengono diverse fonti ancora anonime ma sempre più convergenti. Esse ritengono che l’annuncio sia già stato programmato per il 10 Novembre (già… un Lunedì), piuttosto che per il prossimo Macworld.Anche il Mac Pro attenderebbe un aggiornamento ma

Beppe Grillo: dal podcast a Mail.app
Tutorial

Beppe Grillo: dal podcast a Mail.app

Da quando il suo podcast è pubblicato in iTunes Store, vedo il suo faccione ogni giorno, non appena apro il mio jukebox. Sto parlando di Beppe Grillo, ovviamente, che con il suo podcast ha fatto di nuovo il colpaccio, conquistando stabilmente la prima posizione in classifica, e se ne potrebbe parlare per mesi. Il popolo

Un altro Mac Mini Robot
iPhone Mac Mini

Un altro Mac Mini Robot

Tempo fa avevamo già parlato di un Mac Mini trasformato in un vero e proprio robot. Si trattava di un progetto dell’Università dell’Oklahoma. Ora all’Università di Osnabrueck hanno realizzato un altro Mac Mini semovibile, con un progetto ben strutturato. In foto vedete il primo prototipo e, a destra, l’idea di progetto. Ancora una volta l’input