iPhone low-cost, Tim Cook: “mai pensato di crearne uno”

In una lunga intervista a Businessweek, Tim Cook parla della frammentazione di Android e del cosiddetto iPhone low-cost. Il telefono economico che Apple non ha lanciato e che non aveva nessuna intenzione di lanciare.

Parliamo di

In una lunga intervista a Bloomberg Businessweek, l’attuale CEO di Apple Tim Cook -assieme al vice presidente senior del Software Engineering Craig Federighi e al vice presidente senior del Design Jonathan Ive- ha parlato a ruota libera su alcuni temi attuali, come il lancio dei nuovi telefoni, la filosofia dietro all’iPhone 5c e i competitor, tutti colpevoli di aver abdicato al ruolo di veri innovatori.

Riguardo il cosiddetto “iPhone low-cost” che i rumors ci hanno propinato per mesi, Cook ripete il mantra che era proprio anche di Steve Jobs:

Non abbiamo mai avuto come obiettivo di vendere un telefono a basso costo. Il nostro obiettivo primario è di vendere un telefono grandioso con una grandiosa esperienza, e abbiamo trovato il modo di farlo ad un prezzo inferiore.

Traduzione: eravate degli ingenui a credere che avremmo buttato sul mercato un prodotto economico solo per venderne a milioni, rovinandoci così la reputazione. L’iPhone 5c non è un telefono low-cost in termini assoluti; però è un filo più economico del 5s, che oramai costa come e più di un MacBook Air.

Parlando delle società rivali, invece, Cook si è soffermato un attimo sui problemi atavici di Android, che sono tutti riconducibili alla sua insostenibile frammentazione. “La divisione del mondo in due Sistemi Operativi è valida oggi più di ieri” ha dichiarato al settimanale. “Quando guardi alle cose come soddisfazione dei clienti e uso, ti rendi conto che il divario tra iOS e Android è enorme.” La testata cita un recente sondaggio condotto sui 25 smartphone Android commercializzati da AT&T e conclude che ben 6 non erano aggiornati all’ultima versione dell’OS. “E così,” ha chiosato Cook, “per quando il telefono esaurisce il suo ciclo vitale, l’utente è rimasto indietro di tre o quattro anni. E’ come se ora avessi iOS 3 nella mia tasca. Non riesco a immaginarlo.”

Ma la frammentazione dell’ecosistema produce i suoi danni in molte altre maniere, meno dirette:

La frammentazione è una commistione di problemi. Si mostrerà agli sviluppatori. Si mostrerà alla gente che non può accedere a certe app. Si mostrerà nella sicurezza […], e poi ti tocca tornare indietro e tappare i buchi in tutta questa roba vecchia, e alla gente non va sempre giù.

Infine, l’iCEO ha speso qualche parola su Nokia, una società che fino a qualche anno fa poteva vantare margini superiori al 25% e che era considerata un’inamovibile gigante della telefonia mobile. E che ora è diventata il sottoscala della Microsoft. La loro colpa è stata quella di non aver continuato a innovare:

Credo che Nokia rappresenti un promemoria per chiunque, in questo campo: bisogna continuare a innovare, perché se non lo fai muori.

Come Nokia, per l’appunto.

Ti potrebbe interessare
WWDC: in futuro potrebbero essercene due all’anno
WWDC

WWDC: in futuro potrebbero essercene due all’anno

Una fonte vicina al portale HardMac.com avrebbe rivelato che la WorldWide Developers Conference, il consueto evento Apple dedicato agli sviluppatori, potrebbe in futuro sdoppiarsi in due eventi separati: uno dedicato ai dispositivi iOS (iPhone, iPad ed iPod Touch) e l’altro dedicato interamente ai Mac ed a Mac OS X.In questo modo Cupertino potrebbe dedicare il

Apple Event iPhone OS 4.0: tutti i numeri di Apple
iPod touch

Apple Event iPhone OS 4.0: tutti i numeri di Apple

Da Infinite loop 4, Cupertino, inizia l’atteso evento Apple dedicato a iPhone OS 4. Sul palco è salito Steve Jobs, che inizierà la presentazione, elencando 7 tra le novità di iPhone OS 4.0. Come è ormai consunta tradizione, il keynote inizia con una serie di statistiche su Apple, snocciolate con soddisfazione dal direttore generale. Viene

Un’altra incredibile bocciatura su App Store
iPhone 3G iPhone 3GS iPod touch

Un’altra incredibile bocciatura su App Store

Se fossimo al concorso per la bocciatura più incredibile di tutto l’App Store, probabilmente lo sviluppatore di Convertbot vincerebbe la mela d’oro. La sua applicazione, infatti, si sarebbe macchiata d’una colpa terribile: l’icona delle misure temporali somiglierebbe troppo a quella delle chiamate recenti su iPhone.Il problema, tuttavia, è che l’icona disegnata in Convertbot non è

Processore ARM multicore nel prossimo iPhone?
iPod touch

Processore ARM multicore nel prossimo iPhone?

ARM e ST-Ericsson hanno annunciato la prossima dimostrazione di una nuova generazione di processori destinati al segmento mobile, dotati di nuclei di calcolo multipli.ARM al momento domina in ambito mobile, e l’attuale serie ARM11, in particolare, è tra le più usate nei più recenti smart phones e non solo. Anche il chip presente all’interno di

Apple aggiorna Final Cut Studio
Software Apple

Apple aggiorna Final Cut Studio

Rilasciata una serie di aggiornamenti per le cosiddette “pro-app” tramite Aggiornamento Software o sulla pagina dedicata sul sito Apple.L’update ha un peso di 63.7MB ed è consigliato a tutti gli utenti di Final Cut Studio, Final Cut Server, Logic Studio e Shake poiché dovrebbe migliorarne l’affidabilità. Infine, l’aggiornamento include Compressor 3.0.3 che con questa versione

Un “assaggio” di Leopard
iPhone

Un “assaggio” di Leopard

Per combattere l’attesa per l’arrivo del nuovo Mac OS X Leopard, eccovi un piccolissimo regalo da parte di Acid80 che ci ha inviato questa foto in anteprima.Venerdì 26 ottobre ci sembra lontano, ma l’ora x, o meglio, l’ora (Mac OS) X sta arrivando e poi il leopardo sarà finalmente liberato.

Apple ci insegna iLife
Software Apple

Apple ci insegna iLife

iLife ’06, la suite di applicazioni per la vita digitale, offre un mare di possibilità per gestire i files multimediali sui nostri Mac. Spesso però, per eseguire alcune operazioni, ci rivolgiamo ad applicazioni di terze parti ignorando che quello che cerchiamo è lì, sotto i nostri occhi.Ed è qui che entrano in gioco i tutorial