iPhone 5S, il sensore di impronte digitali si chiama “Touch ID”

Proprio mentre il Wall Street Journal conferma definitivamente il sensore di impronte digitali sull’iPhone 5S, una guida utente relativa al dispositivo appare sul Web e lo chiama “Touch ID.”

Parliamo di

Lo scanner di impronte digitali su iPhone 5S è praticamente una certezza. Prima di tutto perché negli ultimi tempi abbiamo avuto uno straordinario numero di rumors a riguardo, tutti insolitamente coerenti tra loro; ma anche perché, in questo modo, si conferisce un senso all’acquisizione di Authentec del 2013 da parte di Apple. E sul Wall Street Journal di oggi si legge:

Il dito sul computer o sullo smartphone è da tempo proposto come una maniera per bypassare la necessità delle password per autenticare gli utenti pc o di altri dispositivi. Persone vicine ai piani di Apple hanno affermato che la società includerà uno scanner di impronte sull’iPhone più costoso dei due in uscita martedì all’evento dedicato in California.

Tra l’altro, mentre i sensori usati fino ad oggi sono spesso poco accurati, quello sviluppato a Cupertino dovrebbe risultare parecchio più affidabile; i dispositivi di nuova concezione possono infatti effettuare più scansioni a distanza di tempo infinitesimale l’una dall’altra e senza che il dito cambi posizione. La semplicità e l’immediatezza di questa tecnologia, insomma, la renderanno ubiqua e desiderabile agli occhi degli utenti, o almeno così ritiene Apple. E forse ha ragione anche stavolta.

E a suggello dell’indiscrezione, stamattina Nowhereelse.fr ha pubblicato nientemeno che la prima pagina del manuale utente di un iPhone 5S, con tutte le sorprese che ne sono derivate. Prima di tutto, Apple si riferisce al biosensore come al “Touch ID” limitandone così ufficialmente le funzionalità al solo sblocco del dispositivo, come dicevamo tempo addietro. Come dire: per i pagamenti in mobilità c’è ancora tempo.

Non è chiaro se il nuovo pulsante Home sia concavo o convesso, né se sia coperto di vetro zaffiro, ma di sicuro sfoggia uno scintillante anello metallico lungo i suoi contorni, il che conferma implicitamente il packaging del telefono trapelato ieri.

Tutti pronti per l’evento Apple di stasera? Ci si vede sempre qui, sempre su Melablog, alle 19:00 in punto. Non mancate.

Ti potrebbe interessare
Apple TV riproduce anche i DVD tramite AirFlick
iPhone

Apple TV riproduce anche i DVD tramite AirFlick

Erica Sadun continua a sperimentare le infinite possibilità offerte da AirPlay e dalla Apple TV.Questa volta, grazie ai suggerimenti di un suo lettore, la Sadun ci mostra in un video come sia possibile riprodurre un DVD sulla Apple TV utilizzando il drive di un Mac, VLC e l’applicazione AirFlick.La procedura è un vero e proprio

Ma Steve Jobs si veste sempre casual?
iPhone

Ma Steve Jobs si veste sempre casual?

Paladino dell’informale, da anni il suo look in pubblico consiste quasi sempre di maglia nera a maniche lunghe, pantaloni jeans più o meno sdruciti e scarpe da tennis. In realtà il guardaroba di Steve Jobs non si limita esclusivamente a capi casual e nelle occasioni importanti il cofondatore di Apple si è spesso presentato in

Apple “spazza via” i problemi del chip grafico dei MacBook
Mac

Apple “spazza via” i problemi del chip grafico dei MacBook

Ricordate, la settimana scorsa, la segnalazioni di problemi relativi al nuovo chip grafico installato sui MacBook recentemente aggiornati?Apple aveva diffuso un documento tecnico in cui illustrava tali problemi e si impegnava a trovare una soluzione. Da ieri quel documento tecnico è sparito, senza senza alcuna spiegazione da parte di Cupertino.Come sottolineano sagacemente gli amici di

Nuovo spot “Get a Mac”
iMac iPhone

Nuovo spot “Get a Mac”

Dopo il lancio di spot natalizi, ora si aggiunge un nuovo tassello alla famosissima campagna pubblicitaria di Apple “Get a Mac”. In questo nuovo episodio al PC-Guy verrà installata una webcam da un tecnico e farà notare al Mac-guy che forse un giorno anche lui sarà così avanzato tecnologicamente. Il tecnico a quel punto ricorderà