iPhone 5S, la tecnologia del sensore di impronte digitali

Il prossimo iPhone 5S sarà dotato di un sensore di impronte digitali per permettere l’accesso al dispostivo

Parliamo di

Da diversi mesi molte indiscrezioni affermano che il nuovo iPhone 5S sarà dotato di un sensore di impronte digitali posto proprio sotto il classico tasto home. Recentemente queste indiscrezioni sono state confermate dalla scoperta in iOS 7 di alcune funzioni che supportano proprio questo tipo di sensore.

Geppy Parziale, un esperto di autenticazione biometrica che lavora per InvasiveCode, ha scritto un articolo nel quale descrive la tecnologia alla base di questi minuscoli sensori.

In particolare Parziale descrive i problemi legati al riconoscimento delle impronte che dipendono da tutta una serie di fattori:

La tecnologia di base utilizzata per la fabbricazione dei sensori può introdurre rumore ed errori sull’immagine dell’impronta digitale catturata, influenzando il riconoscimento fino al punto che potrebbe essere continuamente rifiutato dal sistema (falso rifiuto) o a qualcun altro potrebbe essere concesso l’accesso al sistema al posto vostro (falsa accettazione).

Diventa così molto critico produrre in milioni di esemplari un sensore che funzioni bene, così come è importante che il software sia sufficientemente intelligente da riconoscere adeguatamente le impronte digitali limitando al massimo gli errori.

Tuttavia la sfida che si è posta Apple appare ancor più complessa se si considera il tipico utilizzo di uno smartphone:

Nella vita di tutti i giorni le cose vanno ancora peggio. Di solito si utilizzano le mani per compiti diversi e di solito si toccano diversi tipi di materiali. Piccole porzioni di oggetti che si toccano si accumulano sulla pelle delle dita. Quando si tocca il sensore di impronte digitali, si depositano questi materiali sulla sua superficie. Inoltre, la pelle produce sudore (una combinazione di acqua e vari tipi di sali) e il sebo (una sostanza oleosa / cerosa che il nostro corpo produce). Quando si tocca la superficie di un sensore di impronte digitali, il mix di sudore, sebo e qualsiasi sostanza accumulata durante le attività quotidiane diventa una combinazione killer per la superficie del sensore ed accelera la distruzione della sua superficie … Se si cercano le specifiche di un dispositivo di impronte digitali CMOS, si trova un numero che rappresenta la durata del dispositivo. Quel numero esprime il numero di tocchi (prima che muoia del tutto). Tale numero viene fornito in condizioni ideali di utilizzo e in un ambiente operativo normale di temperatura e umidità. Ma ricordate dove normalmente tenete il vostro iPhone. Lo tenete in una tasca “sporca”, lo si lascia su superfici diverse, e in ambienti umidi e caldi o freddi e asciutti. A volte l’acqua scende su di esso o si dimentica in macchina sotto il sole. Tutti questi fattori alterano le condizioni di lavoro della superficie del sensore e contribuiscono ad accelerare il processo di decadimento.

Apple avrà sicuramente preso in considerazione tutti questi aspetti per dotare il nuovo iPhone 5S di una funzionalità veramente innovativa.

Ti potrebbe interessare
Prezzi e disponibilità di iPad 2
iPad 2

Prezzi e disponibilità di iPad 2

Con un comunicato stampa di pochi minuti fa, Apple ha annunciato che la vendita di iPad 2 in Italia inizierà il prossimo 25 marzo come previsto. L’Apple Store Online aprirà le danze durante la notte iniziando a ricevere ordini a partire dalle 01:00 a.m. Gli Apple Retail Store italiani, invece, inizieranno le vendite del nuovo

Un microproiettore sul prossimo iPhone?
iPod touch

Un microproiettore sul prossimo iPhone?

Stando alle indiscrezioni riportate di recente da DigiTimes, pare che Foxlink stia producendo microproiettori per i futuri prodotti di alcune società tra cui Apple: I produttori internazionali come Nokia, Samsung ed Apple starebbero pianificando il lancio di dispositivi con microproiettori integrati entro la fine di quest’anno, hanno affermato le fonti, aggiungendo che sarà probabilmente Foxlink

RIM svilupperà software per iPhone?
iPhone

RIM svilupperà software per iPhone?

RIM, la società che ha dato vita al noto BlackBerry, sembra si stia interessando allo sviluppo per lo smartphone di Cupertino, preparando un team dedicato allo scopo.Questo sembra essere il sottile sottinteso che traspare da una circolare interna all’azienda, secondo cui:Come parte del nuovo team, vi troverete ad influenzare lo sviluppo e il design del

In rialzo le azioni Apple
iPhone

In rialzo le azioni Apple

L’ottimo trimestre fiscale dichiarato ieri da Apple, con rassicurazioni su iPhone e Mac da record, sta fruttando molto per quanto riguarda il valore delle azioni. Nel momento in cui scrivo si sta registrando un +7% circa, per un prezzo di 147,36$. I risultati, quindi, superano le attese degli analisti più accorti. La Deutsche Bank si

iPod taroccati: ecco i peggiori!
iPod

iPod taroccati: ecco i peggiori!

Prendo spunto da questo articolo apparso su Tech Blog per parlare di quello che in America si chiama KnockOff: detto in parole semplici il tarocco.Secondo loro ci sono quattro gioiellini che meritano a pieno merito di essere iscritti nel registro dei copioni più brutti in assoluto. Noi vogliamo darvi di più: una gallery completa con

Leopard: addio al brushed metal?
iPhone

Leopard: addio al brushed metal?

Mentre stiamo metabolizzando l’annuncio dello slittamento ad ottobre dell’uscita di Leopard, notiamo che Apple non sta con le mani in mano e continua a spedire nuove build del nuovo OS agli sviluppatori.L’ultima, la 9A410, porta con se una novità grafica importante: la scomparsa del metallo satinato (brushed metal) dall’interfaccia delle applicazioni. Come è possibile notare

Niente iPhone (per ora)
iPhone

Niente iPhone (per ora)

Softbank, l’azienda giapponese che veniva indicata come partner di Apple per il rilascio dell’ormai famigerato iPhone, ha smentito la notizia. Con un comunicato stampa sul suo sito ha liquidato come invenzione dei media le indiscrezioni rimbalzate per la rete in questi giorni.Dunque l’iPhone non vedrà la luce tanto presto, a quanto pare…