Apple, l'auto-spoiler PAZZESCO sul visore AR/VR: c'entra Windows 11

Nelle nuove applicazioni per Windows 11 ci sono chiari riferimenti a Reality OS e xrOS: il visore AR/VR non è mai stato così vicino.
Nelle nuove applicazioni per Windows 11 ci sono chiari riferimenti a Reality OS e xrOS: il visore AR/VR non è mai stato così vicino.

Non sono ancora disponibili per tutti gli utenti, ma le nuove applicazioni per Windows 11 di Apple Music, Apple TV e Apple Devices sono sbarcate sullo store di Microsoft. Nulla di sconvolgente sotto questo punto di vista, era già tutto programmato, ma una sorpresa in realtà c’è stata. Il gigante di Cupertino ha infatti seminato degli indizi – chiamiamoli così – che lasciano pochissimo spazio all’immaginazione.

Apple svela involontariamente una novità: il visore AR/VR è in arrivo

L’applicazione Apple Devices è molto utile e consente agli utenti di gestire i propri dispositivi Apple da un PC Windows, una funzionalità prima esclusiva del macchinoso, lento e pesante iTunes. Quest’ultimo in realtà è ancora disponibile e chi vuole può continuare ad utilizzarlo, ma ormai è chiaro: il suo destino è segnato. Apple sta lavorando ad app singole anche per la musica, quindi iTunes avrà ben poco senso in futuro.

Torniamo però all’argomento principale: l’auto-leak, l’auto-spoiler. L’utente Twitter @aaronp613 ha scoperto che il codice della sopracitata applicazione per la gestione di iPhone e non solo cita sia “Reality OS” che “xrOS”, due nomi protagonisti di innumerevoli rumor circa il primo dispositivo Apple per le realtà aumentata e virtuale. Questa è la prova: il visore AR/AR è nei piani del gigante californiano e potrebbe essere dietro l’angolo!

Non sappiamo se e come il visore AR/VR potrà “comunicare” con un PC Windows tramite la nuova applicazione, ma è un dubbio di poco peso in questo momento. Ora ad avere tutta la nostra attenzione sono il dispositivo in sé e il suo sistema operativo, che potrebbe chiamarsi “RealityOS” o “xrOS”, appunto. Quando arriveranno aggiornamenti ufficiali? Il 2023 lo ricorderemo come l’anno del debutto di Apple nel campo delle realtà virtuale e/o aumentata? E quanto costerà il tanto chiacchierato headset per catapultarsi in nuove esperienze?

Secondo Mark Gurman, nota e affidabile penna di Bloomberg, Tim Cook & co. sveleranno il tutto questa primavera. Speriamo sia davvero così.

Immagine di copertina ©9to5Mac

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione nel rispetto del codice etico. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti