Apple Smart Battery Case, l'ironia del Web e la difesa di Tim Cook

La prima custodia per iPhone 6/6s con batteria integrata di Apple parta male; e mentre il Web prende in giro le scelte di design della mela, Tim Cook le difende a spada tratta: 'Non direi che ha la gobba.'

Dopo il lancio dello Smart Battery Case, un coro unanime di utenti -tra il divertito e l'arrabbiato- ha urlato uno dei tormentoni del mondo Apple: ci fosse stato Steve Jobs, quest'orrore non avrebbe mai visto le luci della ribalta; e forse, per la prima volta, la derisione appare giustificata.

Oggettivamente, il design è bruttino, e neppure troppo funzionale; non può ricaricare completamente un iPhone scarico, e in più l'unico indicatore LED della carica è posto all'interno del case; non si può neppure decidere quando far ricaricare il telefono. Sul mercato è pieno di prodotti tecnicamente migliori a prezzi inferiori.

Qualcuno paragona la batteria sporgente alla "protuberanza dell'amore" mentre per altri somiglia ad una scarpa ortopedica per iPhone, o alla vergogna di Jonathan Ive; se lo chiedete a noi, sembra che iPhone abbia fagocitato un iPod. Per Tim Cook, invece, è una soluzione geniale perché, a differenza di prodotti alternativi tipo le cover Mophie, non è rigida:

"Se la fai solida per tutta la sua struttura, poi diventa molto difficile da infilare e togliere. Ecco perché i ragazzi hanno avuto questa grande intuizione di mettere tutto intorno una fasciatura (in morbido fluoroelastomero, n.d.A.) per renderlo un case intelligente."

E voi che ne pensate? Abbiamo peccato di severità oppure è Apple che ha fatto una brutta figura? Una cosa è certa: se addirittura Tim Cook si è sentito in dovere di controbattere alle critiche, vuol dire che il sentimento è piuttosto diffuso.

iphone-smart-battery-case.jpg

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: