Steve Jobs: possibili le applicazioni di terze parti su iPhone

Durante l'interessante intervista ad All Things Digital, di cui vi ha parlato Marcello in merito ai futuri aggiornamenti di Apple Tv, è emerso anche un dato interessante riguardante iPhone. Un membro del pubblico ha infatti chiesto a Steve Jobs se saranno mai disponibili applicazioni di terze parti per iPhone.

La risposta, questa volta, è stata decisamente meno negativa rispetto a quella data inizialmente. Jobs infatti ha dichiarato l'impegno di Cupertino nell'aprire iPhone ad applicazioni di terze parti, cosa non ancora ufficializzabile al momento, per timori legati alla sicurezza. Quindi Apple avrebbe deciso, per una politica interna, di non promettere il supporto ad applicazioni di terze parti fino a quando non sarà certa di poter gestire l'apertura in modo sicuro. "Ho usato applicazioni di terze parti", ha affermato Jobs, "Più ne usi e più il telefono rischia di bloccarsi. Non vogliamo che il nostro telefono si blocchi una volta al giorno. Se sarete pazienti con noi (voi sviluppatori ndr) penso che tutti potranno avere quel che desiderano". Sempre meglio che niente direi.

Steve Jobs ha tenuto anche a puntualizzare che il software contenuto in iPhone è una vera versione integrale di Os X, spogliata di dati non utili a quel tipo di hardware. Stessa cosa dicasi per il Safari di iPhone. Nulla di preciso è stato detto, invece, sul 3G. Con una visione americanocentrica Jobs si è limitato a dire che il wifi è "ovunque", ed è più potente dell'UMTS. Come sappiamo in Italia la situazione non è propriamente la stessa.

[Engadget]

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: