Facezam, l'app che trova il profilo Facebook da una foto è una bufala

facezam-iphone-facebook-780x462.jpg
Aggiornamento del 15 marzo, 12.35
Per fortuna, si è trattato solo di una bufala. Come ammesso dalla stessa agenzia che ha creato il fenomeno, Facezam è solo uno scherzo, un esperimento di marketing virale sfuggito di mano.

Con un tweet Rob Sherman, Deputy Chief Privacy Officer di Facebook, ha rassicurato gli utenti che la cosa non era neppure tecnicamente fattibile, sia per ragioni di policy che tecniche: su Facebook sono state implementate infatti delle tecnologie che impedirebbero questo tipo di abusi.

Facezam, l'app che trova il profilo Facebook dalle foto che scattate?


Presto trovare il profilo Facebook di chiunque diventerà una questione di pochi istanti. Grazie ad un'app che promette di annientare la privacy personale.

Immaginate di poter individuare nome, cognome e profilo Facebook di qualunque persona vi sia davanti in questo momento, semplicemente scattandole una fotografia attraverso un'app. Sembra un film distopico di fantascienza, e invece è il futuro che ci aspetta. In arrivo tra qualche settimana.

Si chiama Facezam, ed è un servizio per iPhone che consente di confrontare la foto che scattate con l'intero database delle immagini di profilo di Facebook, in pochi istanti e con un'accuratezza che per il momento viene data al 70%. “Facezam potrebbe rappresentare la fine delle società anonime," afferma il fondatore della società Jack Kenyon. “Gli utenti saranno in grado di identificare chiunque in una frazione di secondo, il che significa che la privacy non esisterà più nella società pubblica."

Il lancio su App Store è previsto per il 21 marzo, ma ci potrebbero essere ritardi. Un portavoce Facebook infatti ha dichiarato che Facezam vìola la politica sulla privacy del social network blu, e dunque ci saranno sicuramente degli aggiustamenti in questo senso. Nel frattempo, l'unico modo di difendersi è cambiare immagine del profilo con qualcosa di generico, oppure disiscriversi, rinunciando del tutto a Facebook. Voi che fareste?

  • shares
  • Mail