Bento, cessa lo sviluppo del database facile per Mac, iPhone e iPad

Con un comunicato che rattristerà gli utenti di lungo corso, FileMaker Inc. ha annunciato la cessazione dello sviluppo di Bento per concentrarsi sulla linea FileMaker. Pioggia di licenziamenti al seguito.

filemaker-pro

Solo poche ore fa, la consociata di Apple FileMaker Inc. ha dato un triste annuncio. A partire dal prossimo 30 settembre, cesserà ufficialmente lo sviluppo di Bento, il database facile disponibile sia in versione per OS X che iOS. Gli sforzi, dunque, si concentreranno in particolar modo sulla linea FileMaker, vero cavallo di battaglia della società.

La spiacevole contropartita dell'evento, spiega AppleInsider, non è solo nell'eclissi di un marchio storico quanto nel licenziamento dell'intero team che ammonta a 20 qualificati impiegati:

Le fonti dicono che i licenziamenti di cui si parlava giovedì scorso sono associati alla chiusura di Bento; a quanto pare, tutti i rappresentanti esterni, gli ingegneri e lo staff di supporto tecnico sono stati spediti a casa. I licenziamenti, tuttavia, potrebbero spingersi oltre, visto che almeno uno dei responsabili di vendita del software di punta FileMaker non presta più servizio nella società.

L'ultima versione dell'app, FileMaker Pro 12, è arrivata ad aprile 2012, mentre l'ultima Major Release di Bento risale addirittura a più di due anni fa. Poi sono sopraggiunte le build per iPhone e iPad, durante l'estate del 2012, e da lì più nulla. La situazione è quindi la seguente: Bento continuerà a restare disponibile su App Store in versione per Mac, per iPhone e per iPad, fino al 30 settembre; poi verrà cessata la distribuzione. Il supporto sarà garantito invece fino alla fine di luglio 2014.

Un gran peccato, perché FileMaker Pro 12 è più complesso e decisamente più costoso: viene 418,80€ in versione standard, e 250€ con quella di aggiornamento. Esiste perfino una versione Advanced che costa 598,80€ IVA inclusa. Decisamente caro, rispetto ai 44,99€ del defunto Bento. Per maggiori informazioni, potete consultare la pagina Web col comunicato stampa.

  • shares
  • Mail