Gli studenti tradiscono Apple coi Netbook


Secondo i dati raccolti da Retrevo, la popolarità dei netbook sta portando via ad Apple un gran numero di studenti che, in pieno periodo back-to-school, glissano sul Mac per acquistare un leggero ed economico netbook.

Storicamente, il mondo dell'istruzione superiore rappresenta per Apple un terreno molto fertile, con una quota di mercato che supera il 30%, cioè tre volte il marketshare globale. Ora in pieno periodo di crisi, e con genitori meno proni a sfoderare la carta di credito, le cose potrebbero cambiare in peggio per Cupertino. Secondo Retrevo, il 34% degli studenti intende acquistare un netbook qualunque, il 49% si affiderà ad un notebook Windows e soltanto il 17% paventa la possibilità di prendere un Mac.

I ricercatori concordano: l'origine di questo poderoso calo sta tutta nei budget a disposizione degli studenti. E in effetti, soltanto il 18% degli intervistati ne possedeva uno maggiore di $1.000. E considerando che il 58% pensava di spendere al massimo $750, ecco che anche il MacBook meno costoso ($950 con sconto Educational) resta pur sempre inavvicinabile.

E' difficile dire se questa inchiesta, condotta su un campione di 300 studenti, si applicherà all'andamento generale di Apple, ma è certamente sintomatico del cambiamento in atto nei gusti e nelle esigenze degli utenti acquirenti. E la tendenza è ulteriormente suffragata anche da una ricerca parallela stilata da NPD Group, secondo cui entro la fine del 2009 un quarto dei portatili venduti sarà costituito da netbook. L'avversione di Apple per questi dispositivi è da tempo nota a tutti, e se è improbabile un radicale ripensamento, di certo il fenomeno non potrà essere semplicemente ignorato.

  • shares
  • Mail
77 commenti Aggiorna
Ordina: