QR code per la pagina originale

Galaxy Note 20: le 5 feature che Apple dovrebbe copiare

Ci sono 5 feature del nuovo Galaxy Note 20 che ci piacerebbe vedere anche su iPhone. E una di queste arriverà quasi certamente.

,

All’inizio del mese, Samsung ha lanciato il nuovo Galaxy Note 20, lo smartphone che competerà durante l’anno col venturo iPhone 12. È il solito Android, per cui intrinsecamente poco interessate per noi utenti della mela, ma possiede almeno 5 caratteristiche che ci piacerebbe vedere anche su iPhone. E una di queste probabilmente sarà presente.

  1. Display 120 Hz: I Galaxy di punta di Samsung hanno tutti un bel display OLED con bordi sottili e un refresh rate di 120Hz che rende l’esperienza più fluida, morbida e gradevole per gli occhi. Per ora Apple ha esportato questa feature solo su iPad Pro, ma pare che dovrebbe debuttare anche sulla linea smartphone a partire da iPhone 12. Ciò tuttavia potrebbe contribuire a ulteriori ritardi nel lancio.
  2. PowerShare Wireless: Sono due anni che i telefoni Samsung possono condividere la carica tra loro, e anche il Note 20 può diventare una base di ricarica per gli auricolari wireless, lo smartwatch e gli accessori. Apple voleva creare un Mac mini con dock per iPod, perché non lanciare un iPhone che ricarica AirPods?
  3. Finestre Multitasking: Apple ha lo implementato lo Split Screen in iOS (due app su schermo) ma non su iPhone; eppure tornerebbe estremamente utile anche su smartphone, in particolar modo sulle varianti Max.
  4. S Pen: Gli smartphone Samsung supportano S Pen, perché gli iPhone non supportano ancora Apple Pencil? È da anni che si parla di questa possibilità, ma ancora non si è concretizzata.
  5. DEX: Trasforma lo smartphone in un computer, collegandolo al Mac o al PC, con tanto di supporto tastiera e mouse. La tecnologia Apple che più si avvicina a questa feature sono Handoff e Continuity ma in effetti l’implementazione Samsung è più diretta.

E voi quali feature concorrenti vorreste vedere sui telefoni di Cupertino? Ditecelo nei commenti, su Twitter o sulla nostra pagina Facebook.