iPhone 5, costi di riparazione elevati a causa del controllo di Apple

A distanza di otto mesi dal debutto di iPhone 5, i costi per riparare questa generazione di dispositivo restano ancora tra i più alti della storia di Cupertino. E la ragione sta tutta nel ferreo controllo delle forniture da parte di Apple.

iphone5_sostituzione_display
Photo | iFixit

Stando a quanto riferisce MarketWatch, c'è una precisa ragione per cui la componentistica dell'iPhone 5 -in particolar modo il pannello LCD- costa così cara nonostante il nuovo design faciliti le riparazioni rispetto al modello precedente. Ed è da ricercarsi nelle politiche di approvvigionamento di Cupertino:

C'è un controllo forsennato sui componenti dell'iPhone 5 sul mercato, ha riferito Forsythe [fondatore della società di riparazioni iCracked]. "Le forze di mercato determinano il prezzo" dice. "E visto che Apple vende circa 300.000 iPhone al giorno, al crescere del mercato delle riparazioni, dovrebbe contribuire un abbattimento generalizzato dei costi."
"Tuttavia Apple controlla tutto, dalla produzione fino alle viti dell'iPhone 5," dice Jeff Haynes, editor presso il sito di occasioni TechBargains.com. "E poiché l'iPhone 5 è più esteso del 4, ne consegue che i costi di riparazione salgono."

Viene esplicitamente citato il display per la semplice ragione che è la componente maggiormente prona all'usura e alla rottura; sfortunatamente, costituisce anche l'elemento più costoso dell'intero assemblato, e infatti i numeri tornano.

Basta guardare a quanto viene commercializzato sui siti Web. Se iFixit vende il pannello LCD+Digitizer dell'iPhon 4S a 95$, per l'iPhone 5 ne chiede 200$; e badate bene: mentre per sostituire il primo ci vogliono 37 complicatissimi passaggi, la guida per il secondo ne elenca appena 23 caratterizzate da un livello di difficoltà "media."

Ecco perché, nel caso di utenti particolarmente distratti, potrebbe avere senso stipulare un'estensione di garanzia Apple Care+, che copre anche i danni accidentali. Peccato soltanto che non venga offerta in tutto il mondo; per esempio, in Italia non è arrivata ancora. Chissà però che le nuove opzioni di garanzia e riparazione che stanno progettando a Cupertino non portino novità in tal senso anche per noi.

  • shares
  • Mail